Info Visita RCM Registrati Aiuto Eventi@MI Cerca Novità Home Page di RCM Logo di RCM Logo associazioni.millano.it
Up One Level  Up One Level
New Message  New Message
Reply  Reply
Forward  Forward
Previous in Thread  Previous in Thread
Previous Unread  Previous Unread
Next in Thread  Next in Thread
Next Unread  Next Unread
Help  Help
FAQ  FAQ
  Message  

Message 

Postmark
   
Home Page  •  RCMWEB  •  ComitatoMilanoPerL'Uomo  •  ComitatoMilanoPerL'Uomo  •  Message
 
  Sunday 2 January 2005 10:26:32  
From:
Maurizio Rotaris   Maurizio Rotaris
 
Subject:

Re: L'accoglienza dei sans papier

 
To:
ComitatoMilanoPerL'Uomo   ComitatoMilanoPerL'Uomo
 
Emergenza freddo, posti esauriti nei dormitori
da Il Corriere della Sera del 27 dicembre 2004

27 dicembre 2004
        
I responsabili dei centri d’accoglienza privati: il Comune respinge i clandestini. L’assessore Maiolo: non si può violare la legge
Milano - Senza casa. Senza famiglia. Senza documenti. Prima di entrare nel dormitorio di via Calvino, Umberto, 71 anni, lottava contro il freddo della notte di Natale in piazza Affari. Invisibile, come altri 4 mila uomini e donne che vivono la metà oscura di Milano. Ma, per quanto possibile, più fortunato. Perché, a differenza di Umberto, gli altri clochard non hanno alternative alla strada. I centri privati sono pieni «e, ahimè, le strutture pubbliche non ospitano gli irregolari, che sono i più numerosi», sospira padre Clemente Moriggi, vicepresidente della fondazione Fratelli di San Francesco. Con la conseguenza che una trentina di letti nei centri comunali di via Anfossi e via Maggianico restano vuoti. Padre Clemente è abituato ai numeri. Da dieci anni ospita duemila persone al giorno. Eppure i conti sembrano non tornargli più. A partire dai tre turni necessari per «sfamare i 650 emarginati che si sono presentati al pranzo di Natale». Molti dei quali oggi affollano i due dormitori della fondazione.
Letteralmente «strapieni»: 150 uomini in via Calvino, 100 donne in viale Isonzo. E il capannone di piazzale Lodi, quello dei «saccoapelisti», che viene preso d’assalto tutte le notti. Una situazione che si ripete in tutti i ricoveri di Milano. Pieno il «Villaggio della Misericordia» fondato da Fratel Ettore ad Affori. Solo un letto libero al centro Arca in via San Giovanni alla Paglia. La Casa della Carità di via Brambilla può invece concedere solo tre o quattro ingressi straordinari al giorno, in attesa di entrare in funzione a pieno regime, a gennaio. «In città c’è una necessità urgente di posti letto - dice don Massimo Mapelli, collaboratore di don Colmegna nella Casa di via Brambilla -. Riceviamo ogni giorno richieste di accoglienza dalle parrocchie, dai servizi sociali ospedalieri, dalle forze dell’ordine. Tutte le strutture della città sono sature».
E i disagi maggiori li vivono gli «irregolari», spiega Mario Furlan, fondatore dei City Angels. Rumeni, moldavi, bulgari, ucraini, maghrebini. Ma anche italiani. Che si ritrovano nei capannoni dismessi in viale Forlanini, nei parcheggi in disuso, nelle auto abbandonate attorno alla Stazione. «Per questo sarebbe utile che il Comune accogliesse anche i sans papier , o almeno le donne. Come è stato fatto l’anno scorso nel centro di viale Jenner». Certo, «non è compito nostro far le leggi sull’immigrazione», aggiunge Maurizio Rotaris, responsabile di Sos Stazione Centrale. «Ma davanti ai clandestini che sono già a Milano non possiamo chiudere gli occhi».
Una richiesta che Tiziana Maiolo, assessore comunale ai Servizi sociali, definisce «singolare». Perché non si può chiedere alle istituzioni di violare la legge. «Il Comune ha già fatto uno sforzo enorme: 625 mila euro investiti nel "Piano freddo", 200 mila in più rispetto al 2003. E 1492 posti garantiti, 180 letti in più». Detto questo, chiude l’assessore, «tollerare alcuni atteggiamenti discutibili tenuti dalle strutture private, finanziate dal Comune, non giustifica un appello così sopra le righe».
di Armando Stella


Galateo - Privacy - Cookie