Info Visita RCM Registrati Aiuto Eventi@MI Cerca Novità Home Page di RCM Logo di RCM Logo associazioni.millano.it
Up One Level  Up One Level
New Message  New Message
Reply  Reply
Forward  Forward
Previous in Thread  Previous in Thread
Previous Unread  Previous Unread
Next in Thread  Next in Thread
Next Unread  Next Unread
Help  Help
FAQ  FAQ
  Message  

Message 

Postmark
   
Home Page  •  RCMWEB  •  ComitatoMilanoPerL'Uomo  •  ComitatoMilanoPerL'Uomo  •  Message
 
  Sunday 30 October 2005 12:03:53  
From:
mario ferrandi   mario ferrandi
 
Subject:

Re(3): Emergenze sociali e interventi strutturali

 
To:
Rete Cittadini Milano   Rete Cittadini Milano
 
Cc:
ComitatoMilanoPerL'Uomo   ComitatoMilanoPerL'Uomo
 
Maurizio Rotaris su lunedì 24 ottobre 2005 alle 20.39 +0000 ha scritto:
E non mi riferisco ovviamente solo a quelli della nostra municipalità, ma anche a quelli nazionali, dai quali, per molti versi, le politiche sociali locali dipendono, sia in termini di risorse finanziarie, sia nelle linee di indirizzo.
C'è infine da dire che il Comitato Milano per l'Uomo, promotore del Convegno, non ha alcuna pretesa politica, nè vuole rappresentare, difendere o attaccare alcuno schieramento politico.

Credo anch'io che affrontare la disperazione sociale oggi implichi progetti realizzabili e LA VOLONTA' di realizzarli, e non tifo calcistico per questa o quella frangia del ceto politico.
Faccio una proposta: un Piano Nazionale per risolvere il problema degli homeless, che potrebbe essere agevolmente implementato. Il semplice concetto di: un cittadino, una casa.
Si tratta semplicemente di censire gli homeless e i richiedenti un'abitazione, e di pianificarne la costruzione o la ristrutturazione con riferimento al patrimonio pubblico esistente, attigendo all'esperienza civile che abbiamo dai tempi di Miracolo a Milano (non la lista, intendo il famoso film: i baraccati milanese post-bombardamenti).
Si tratta di edificare penso alcune centinaia di migliaia di case economiche, su suolo demaniale, al prezzo di costo. Unità di base di case economiche possone essere viste, per esempio a Milano, sulla via Rizzoli, di fianco all'omonima azienda editoriale, le cosiddette 'case minime', modeste ma dignitose e di costo irrisorio, tuttora abitate dopo 50 anni. I fondi per realizzarle possono essere facilmente reperiti:
- vendendo a prezzo di costo l'attuale patrimonio di case pubbliche, o anche solo una sua minima parte, agli inquilini, che l'hanno già strapagato con affitti e contributi GESCAL da 50 e più anni, e destinando il ricavato a tale scopo
- subordinando la cessione di terreni demaniali ai privati a scopo edificativo e speculativo alla costruzione in parte dei lotti edificabili di analoghe unità abitative 'minime' senza oneri per il pubblico
- in ultima istanza, con una modesta accisa sul carburante, anche di natura regionale
Nell'arco di 5 anni avremmo una nazione homeless-free


----------------------------------------------------------------------------
 “E’ pericoloso aver ragione dove le autorità costituite hanno
torto”  Voltaire
----------------------------------------------------------------------------


Galateo - Privacy - Cookie