Info Visita RCM Registrati Aiuto Eventi@MI Cerca Novità Home Page di RCM Logo di RCM Logo associazioni.millano.it
Up One Level  Up One Level
New Message  New Message
Reply  Reply
Forward  Forward
Previous in Thread  Previous in Thread
Previous Unread  Previous Unread
Next in Thread  Next in Thread
Next Unread  Next Unread
Help  Help
FAQ  FAQ
  Message  

Message 

Postmark
   
Home Page  •  RCMWEB  •  testwebisraele  •  Ebraismo  •  Esegesi biblica  •  Parashot  •  Message
 
  Wednesday 12 November 2008 21:45:23  
From:
Amoha Danani   Amoha Danani
 
Subject:

Scoperto frammento con scritto "figlio del Sommo Sacerdote"

 
To:
Ebraismo   Ebraismo
 
TRATTO DA ISRAELE.NET

08-10-2008
Un frammento di sarcofago con la scritta “Figlio del Sommo Sacerdote”
12112008_214406_0.jpg
Gli archeologi israeliani impegnati nei lavori lungo il percorso della futura barriera di separazione fra Israele e Cisgiordania a nord di Gerusalemme hanno portato alla luce una parte del coperchio di un sarcofago con l’iscrizione “figlio del sommo sacerdote”. Il reperto risale ai tempi di Gesù e del Secondo Tempio, ha dichiarato la Israel Antiquities Authority.
Il frammento di pietra calcarea misura 60 cm x 48 cm e porta l’iscrizione in ebraico “Ben HaCohen Hagadol”, ma non specifica a quale sacerdote si riferisse.
"Tuttavia probabilmente si dovrebbe identificare con uno dei sacerdoti che officiavano qui tra gli anni 30 e 70 del primo secolo e.v.”, spiega l’Authority. Tra i sommi sacerdoti che prestarono servizio durante quel periodo figurano Yosef Bar Kayafa o Caiaphas (Caifa), Theophilus (Yedidiya) Ben Hanan, Simon Ben Boethus e Hanan Ben Hanan.
Alcuni dei Vangeli collegano Caifa all’arresto e al processo di Gesù, prima che fosse consegnato alle autorità romane e da esse crocefisso.
Secondo l’Authority il frammento dovrebbe provenire da una tenuta fuori Gerusalemme che apparteneva a uno dei sommi sacerdoti che prestavano servizio nel Tempio. “Si può presumere che il figlio del sommo sacerdote sia morto per qualche ragione sconosciuta al tempo in cui il padre officiava ancora come sommo sacerdote a Gerusalemme”, spiega l’Authority.
Gli scavi, finanziati dal ministero della difesa, costituiscono interventi di recupero per impedire che i lavori per la barriera difensiva distruggano o seppelliscano preziosi reperti archeologici.

(Da: Ha’aretz, 07.10.08)
Fonte: http://www.israele.net/sezione,,2278.htm.


Galateo - Privacy - Cookie