Info Visita RCM Registrati Aiuto Eventi@MI Cerca Novità Home Page di RCM Logo di RCM Logo associazioni.millano.it
Up One Level  Up One Level
New Message  New Message
Reply  Reply
Forward  Forward
Previous in Thread  Previous in Thread
Previous Unread  Previous Unread
Next in Thread  Next in Thread
Next Unread  Next Unread
Help  Help
FAQ  FAQ
  Message  

Message 

Postmark
   
Home Page  •  RCMWEB  •  testwebisraele  •  Ebraismo  •  Esegesi biblica  •  Parashot  •  Message
 
  Thursday 5 March 2009 18:40:38  
From:
Amoha Danani   Amoha Danani
 
Subject:

Parashŕ Tetzavé (7 marzo 2009)

 
To:
Ebraismo   Ebraismo
 
11 Adar 5769 - 7 marzo 2009
Parashà Tetzavé
Esodo, 27:20-30:10

Haftarà: da Ezechiele, 43:10-27.
Rapporto con la Parashà: la Haftarà tratta dell'inaugurazione dell'altare del Tempio di cui il profeta annuncia la costruzione in avvenire, come la Parashà tratta della consacrazione del Santuario portatile nel deserto.




Testo dell'Haftarà
da Bibbia on line
http://www.labibbia.org/pls/bibbiaol/GestBibbia.Ricerca?Libro=Ezechiele&Capitolo=43

Sacerdote gerosolimitano, Ezechiele fu deportato in esilio in Babilonia, dove esercitò il suo difficile ministero tra il 593 e il 571 a.C. per richiamare i Giudei delusi ed affranti alla responsabilità morale che essi avevano avuto nella catastrofe della nazione, a motivo delle loro infedeltà all’alleanza con Dio. La sua attività fu in parte contemporanea di quella di Geremia. Dopo la notizia del crollo di Gerusalemme nel 587 a.C., il profeta è tutto impegnato a rincuorare gli esuli e a prepararli all’attesa della salvezza promessa da Dio. Lo stile di Ezechiele è notevolmente diverso a quello degli altri libri profetici, non soltanto perché spesso le profezie sono datate con precisione, ma anche per la sua preferenza per il simbolismo, l’allegoria, le immagini, a volte crude, preludendo così alla formazione del genere letterario apocalittico. Le due grandi parti del libro sono il gruppo degli oracoli contro le nazioni pagane (cc 25-32) – nello stile degli antichi profeti – e i cc. 40-48, che descrivono con minuti particolari la ricostruzione religiosa di Israele vagheggiata da Ezechiele e ispirata a un ideale politico e religioso che avrà grande influenza. Nella linea di Geremia, Ezechiele insiste sul carattere personale della responsabilità e sul valore interiore del rapporto del credente col suo Dio. L’accentuazione sacerdotale del libro contribuì a stringere il residuo popolo d’Israele intorno ai suoi sacerdoti e a determinare la formazione religiosa degli Israeliti fino agli inizi dell’èra cristiana.
43 Ritorno della gloria del Signore
1 Mi condusse allora verso la porta che guarda a oriente 2 ed ecco che la gloria del Dio d`Israele giungeva dalla via orientale e il suo rumore era come il rumore delle grandi acque e la terra risplendeva della sua gloria. 3 La visione che io vidi era simile a quella che avevo vista quando andai per distruggere la città e simile a quella che avevo vista presso il canale Chebàr. Io caddi con la faccia a terra. 4 La gloria del Signore entrò nel tempio per la porta che guarda a oriente. 5 Lo spirito mi prese e mi condusse nell`atrio interno: ecco, la gloria del Signore riempiva il tempio. 6 Mentre quell`uomo stava in piedi accanto a me, sentii che qualcuno entro il tempio mi parlava 7 e mi diceva: "Figlio dell`uomo, questo è il luogo del mio trono e il luogo dove posano i miei piedi, dove io abiterò in mezzo agli Israeliti, per sempre. E la casa d`Israele, il popolo e i suoi re, non profaneranno più il mio santo nome con le loro prostituzioni e con i cadaveri dei loro re e con le loro stele, 8 collocando la loro soglia accanto alla mia soglia e i loro stipiti accanto ai miei stipiti, così che fra me e loro vi era solo il muro, hanno profanato il mio santo nome con tutti gli abomini che hanno commessi, perciò li ho distrutti con ira. 9 Ma d`ora in poi essi allontaneranno da me le loro prostituzioni e i cadaveri dei loro re e io abiterò in mezzo a loro per sempre. 10 Tu, figlio dell`uomo, descrivi questo tempio alla casa d`Israele, perché arrossiscano delle loro iniquità; ne misurino la pianta 11 e, se si vergogneranno di quanto hanno fatto, manifesta loro la forma di questo tempio, la sua disposizione, le sue uscite, i suoi ingressi, tutti i suoi aspetti, tutti i suoi regolamenti, tutte le sue forme e tutte le sue leggi: mettili per iscritto davanti ai loro occhi, perché osservino tutte queste norme e tutti questi regolamenti e li mettano in pratica. 12 Questa è la legge del tempio: alla sommità del monte, tutto il territorio che lo circonda è santissimo; ecco, questa è la legge del tempio.

L` altare degli olocausti

13 Queste sono le misure dell`altare in cubiti, di un cubito e un palmo ciascuno. La base era di un cubito di altezza per un cubito di larghezza: il suo bordo intorno era un palmo. Tale lo zoccolo dell`altare. 14 Dalla base che posava a terra fino alla piattaforma inferiore vi erano due cubiti di altezza e un cubito di larghezza: dalla piattaforma piccola alla piattaforma più grande vi erano quattro cubiti di altezza e un cubito di larghezza. 15 Il focolare era di quattro cubiti e sul focolare vi erano quattro corni. 16 Il focolare era dodici cubiti di lunghezza per dodici di larghezza, cioè quadrato. 17 La piattaforma superiore era un quadrato di quattordici cubiti di lunghezza per quattordici cubiti di larghezza, con un orlo intorno di mezzo cubito, e la base, intorno, di un cubito: i suoi gradini guardavano a oriente.

Consacrazione dell` altare

18 Egli mi parlò: "Figlio dell`uomo, dice il Signore Dio: Queste sono le leggi dell`altare, quando verrà costruito per offrirvi sopra il sangue. 19 Ai sacerdoti leviti della stirpe di Zadòk, che si avvicineranno a me per servirmi, tu darai - parola del Signore Dio - un giovenco per l`espiazione. 20 Prenderai di quel sangue e lo spanderai sui quattro corni dell`altare, sui quattro angoli della piattaforma e intorno all`orlo. Così lo purificherai e ne farai l`espiazione. 21 Prenderai poi il giovenco del sacrificio espiatorio e lo brucerai in un luogo appartato del tempio, fuori del santuario. 22 Il secondo giorno offrirai, per il peccato, un capro senza difetto e farai la purificazione dell`altare come hai fatto con il giovenco. 23 Terminato il rito della purificazione, offrirai un giovenco senza difetti e un montone del gregge senza difetti. 24 Tu li presenterai al Signore e i sacerdoti getteranno il sale su di loro, poi li offriranno in olocausto al Signore. 25 Per sette giorni sacrificherai per il peccato un capro al giorno e verrà offerto anche un giovenco e un montone del gregge senza difetti. 26 Per sette giorni si farà l`espiazione dell`altare e lo si purificherà e consacrerà. 27 Finiti questi giorni, dall`ottavo in poi, i sacerdoti immoleranno sopra l`altare i vostri olocausti, i vostri sacrifici di comunione e io vi sarò propizio". Oracolo del Signore Dio.
Note Capitolo 43.
8. Il palazzo reale prima era prossimo al tempio.



Galateo - Privacy - Cookie