Info Visita RCM Registrati Aiuto Eventi@MI Cerca Novità Home Page di RCM Logo di RCM Logo associazioni.millano.it
Up One Level  Up One Level
New Message  New Message
Reply  Reply
Forward  Forward
Previous in Thread  Previous in Thread
Previous Unread  Previous Unread
Next in Thread  Next in Thread
Next Unread  Next Unread
Help  Help
FAQ  FAQ
  Message  

Message 

Postmark
   
Home Page  •  Rete Civica Di Milano  •  Arte e Sapere  •  Teatro  •  Archivio  •  Message
 
  Tuesday 6 May 2003 09:36:20  
From:
Stefania Carcupino   Stefania Carcupino
 
Subject:

serata valentin

 
To:
Teatro   Teatro
 
Cari amici, vi segnalo in allegato questo spettacolo che metteremo in scena sabato sera alla libreria Tikkun. Esiste una comicità diversa da quella zelig-televisiva, esiste anche un modo di fare cabaret al di fuori del battutismo e dei personaggi preconfezionati. Venite a gustare un teatro 'povero' che non deve la sua forza alla ripetizione mediatica ossessiva, ma al valore autentico e ancora attuale di un grande autore!
Vi aspetto. Ciao Stefania
Serata Valentin
Spettacolo di cabaret su testi di Karl Valentin


File%200.gif?src=.BMP



Sabato 10 maggio ore 21

Libreria Tikkun
Via Montevideo, 9 – Milano
Info 3398194242


Con: Luca Briccola, Stefania Carcupino, Adriana Carpita, Angela Pascalino, Eugenio Righini
Regia di Carlo Rossi

Karl Valentin  (1882-1948) è autore di centinaia di testi teatrali; è stato definito il Charlie Chaplin tedesco per il suo personaggio comico e struggente, mentre l’umorismo caustico e nonsense dei suoi testi lo avvicinano a Petrolini.
Valentin era molto apprezzato dai suoi contemporanei, tra cui Bertolt Brecht - che suonò come clarinettista nella compagnia di Valentin alla fine degli anni ’30 - e Thomas Mann.
Nella sua opera trovano espressione sia  la satira sociale che il disagio dell’individuo colto nei suoi conflitti più ridicoli, ma anche la natura ambigua e “non comunicativa” del  linguaggio e i potenziali effetti che ne derivano, a volte esilaranti altre sconcertanti.
Nei testi di Valentin rivive il cabaret tedesco dei primi decenni del Novecento. Il nostro lavoro è una rivisitazione dei suoi pezzi più noti tratti da “Tingeltangel”: “il teatro dell’obbligo”, “il rilegatore Wanninger”, “l’acquario”, per citarne alcuni, trovano nel linguaggio del clown un interprete ‘disadattato’ per eccellenza, un po’ bambino, un po’ istrione, un po’ folle: il nostro omaggio a un grande autore




Galateo - Privacy - Cookie