Info Visita RCM Registrati Aiuto Eventi@MI Cerca Novità Home Page di RCM Logo di RCM Logo associazioni.millano.it
Up One Level  Up One Level
New Message  New Message
Reply  Reply
Forward  Forward
Previous in Thread  Previous in Thread
Previous Unread  Previous Unread
Next in Thread  Next in Thread
Next Unread  Next Unread
Help  Help
FAQ  FAQ
  Message  

Message 

Postmark
   
Home Page  •  Rete Civica di Milano  •  Hobbies  •  Viaggi e Turismo  •  SUD  •  Message
 
  Sunday 20 February 2005 15:13:00  
From:
Assunta Sassone   Assunta Sassone
 
Subject:

Conversano: detti

 
To:
In cucina   In cucina
 
Cc:
SUD   SUD
 
Ho trovato questi proverbi in dialetto conversanese (provincia di Bari), a mio avviso curiosi più per l'impossibile fonetica che per il significato.
tt

Ce chiande cemedecòle, non nascene cemederèpe.

        Se pianti cavolfiori, non nascono le rape.
Sò sciòte a mamme p'abbendè, sò acchiète i fèfe da muzzequè.
        Sono andato da mia madre per riposarmi ed ho trovato le fave da spuntare.
Mazze è panèdde fascene i fele bèlle, pène sènza mazze fascene i fele pacce, pène è presotte fascene i fele brotte.
        Botte e pane rendono i figli belli, pane senza botte rendono i figli pazzi, pane e prosciutto rendono i figli brutti.
Nisciòne mazze de cemedecòle remène alla chiazze.
        Nessun mazzo di cavolfiori resta invenduto.
A' quanne chiove u' mèse d'agoste, chiove iugghie e moste.
        Quando piove nel mese di agosto, piove olio e mosto.
Pène, lie è mire, tavele da cavallire.
        Pane, olive e vino, tavola da cavalliere.
I uè de la pegnète, i sepe la checchière.
        I guai della pentola li conosce il cucchiaio.
C' ìè svèlte a mangè iè svelte a fadeghè.
        Chi è svelto a mangiare è anche svelto a lavorare.
U mangè d'iòsc arrep'l p' crè, la fatec' d' crè fall iòsc.
        Il cibo di oggi conservalo per domani, il lavoro di domani fallo oggi.
D'pp mangèt e v'vout 'ng voul na bella d'rmout.
        Dopo aver mangiato e bevuto ci vuole una bella dormita.
L'ùm'n ch' la pèl, la femm'n ch' la ch'cchièr.
        L'uomo (deve guadagnare ) con la pala, la donna (deve spendere) con il cucchiaio.
La vènd iè na p'ddecchì chiò nammìn e chiò spanecchì.
        La pancia è come una pelle più la riempi e più si allarga.



Galateo - Privacy - Cookie