Info Visita RCM Registrati Aiuto Eventi@MI Cerca Novità Home Page di RCM Logo di RCM Logo associazioni.millano.it
Up One Level  Up One Level
New Message  New Message
Reply  Reply
Forward  Forward
Previous in Thread  Previous in Thread
Previous Unread  Previous Unread
Next in Thread  Next in Thread
Next Unread  Next Unread
Help  Help
FAQ  FAQ
  Message  

Message 

Postmark
   
Home Page  •  Rete Civica di Milano  •  Palazzo dello Sport  •  Message
 
  Wednesday 5 October 2005 21:46:39  
From:
Fiorello Cortiana   Fiorello Cortiana
 
Subject:

doping

 
To:
Verdi Milano   Verdi Milano
 
Cc:
Palazzo dello Sport   Palazzo dello Sport
 
DOPING: TORINO 2006; CORTIANA(VERDI), NO A SOSPENSIONE LEGGE
'ABBIAMO CONVOCATO PESCANTE IN COMMISSIONE CULTURA'
   (ANSA) - ROMA, 5 OTT - In merito all'ipotesi di sospendere la
legge antidoping in vigore in Italia, come richiesto dal
Comitato olimpico internazionale per il periodo di durata delle
Olimpiadi invernali di Torino 2006, il senatore dei Verdi
Fiorello Cortiana, padre della legge in questione, datata 14
dicembre 2000, ha dichiarato che ''e' ora di giocare a carte
scoperte, abbiamo il diritto di sapere le reali intenzioni del
Governo. Per questo, oggi all'unanimita' abbiamo deciso di
convocare il sottosegretario ai Beni Culturali Pescante in
Senato, al fine di conoscere la proposta giuridica
dell'esecutivo''.
   La legge in vigore in Italia, infatti, e' piu' severa
rispetto ai canoni richiesti dal Cio. Cortiana, che si augura
che l'intervento governativo ''non avvenga tramite un decreto,
perche', anche se dopo aver coperto la durata dell'evento
olimpico non venisse convertito, sarebbe comunque un atto grave
e irresponsabile'', sostiene che ''depenalizzare l'atleta
significherebbe svuotare la legge di ogni efficacia nella lotta
al doping, perche' non solo si perderebbero importanti strumenti
di indagine, ma cambierebbe pure l'autorita' di riferimento, che
non sarebbe piu' il giudice penale, rendendo i processi
interminabili e le sanzioni piu' blande''.
   Secondo il senatore dei Verdi, l'eventuale intenzione del
Governo di procedere in questo senso ''sarebbe un vero e proprio
attentato alla salute di centinaia di atleti, nonche' il
favoreggiamento a un circuito che ha come protagonista la
malavita internazionale''.      (ANSA).



Galateo - Privacy - Cookie