Info Visita RCM Registrati Aiuto Eventi@MI Cerca Novità Home Page di RCM Logo di RCM Logo associazioni.millano.it
Up One Level  Up One Level
New Message  New Message
Reply  Reply
Forward  Forward
Previous in Thread  Previous in Thread
Previous Unread  Previous Unread
Next in Thread  Next in Thread
Next Unread  Next Unread
Help  Help
FAQ  FAQ
  Message  

Message 

Postmark
   
Home Page  •  Rete Civica di Milano  •  Rete Cittadini Milano - home  •  Alessandro Rizzo LD  •  Message
 
  Monday 28 March 2005 19:44:42  
From:
Alessandro Rizzo   Alessandro Rizzo
 
Subject:

AMIANTO IN LOMBARDIA

 
To:
Alessandro Rizzo LD   Alessandro Rizzo LD
 
2005-03-08

COMUNICATO STAMPA

AMIANTO IN LOMBARDIA:
LA REGIONE LOMBARDIA RISPARMIA SULLA VITA DEI CITTADINI E TAGLIA DRASTICAMENTE LE RISORSE PER LA BONIFICA DEL TERRITORIO



L’Amianto in Italia è stato bandito nel 1992 con la Legge 257, ma continua a mietere vittime.
Secondo i dati forniti dall’Istituto Superiore di Sanità, In Italia si contano circa mille morti ogni anno per tumore maligno della pleura, ma se si considerano tutti i tumori correlati all’amianto, arriviamo a circa tremila morti all’anno, con un incremento della mortalità che continuerà a crescere per i prossimi trent’anni.

In Lombardia, tra gli anni 1988-1997, i morti sono stati 1787.

Nel settembre del 2003, in attuazione della 257/92 è stata emanata la Legge regionale n. 17 che prevede l’entrata in vigore del Piano Regionale Amianto Lombardia (PRAL).
Il Piano dovrebbe contenere tutte le azioni, gli strumenti e le risorse necessarie per la bonifica dell’amianto sul territorio della nostra regione.

Ma per la Regione Lombardia l’amianto non rappresenta un pericolo.
Infatti, difficilmente il PRAL potrà essere approvato prima delle elezioni e sarà operativo non prima della seconda metà del 2005, con un ritardo di 20 mesi rispetto a quanto previsto dalla Legge 17.
Nel testo, inoltre, si dice che per procedere in modo efficace alle bonifiche è necessario elaborare una mappa delle concentrazioni di amianto che permetta di individuare le priorità degli interventi da effettuare e di programmare un piano completo; che l’unico strumento per effettuare in modo efficace e in tempi accettabili la mappatura è il telerilevamento da aereo.
I costi del telerilevamento da aereo nelle precedenti versioni del PRAL è sempre stato quantificato in 2.196.000 euro.
Che cosa fa allora la Regione?
Con un colpo di bacchetta magica decide che il telerilevamento da aereo può essere effettuato con molto meno dispendio di risorse, che per incanto passano da 2.196.000 a 350.000 euro, con l’accortezza che le aree da mappare vengano definite “sulla base del finanziamento disponibile”.
In questo modo la Regione Lombardia si appresta a varare un Piano sull’amianto che a marzo 2004 costava complessivamente 4.988.886 euro, ora, con gli stessi interventi e le stesse azioni, costa solo 1.630.000 euro: il pericolo amianto non è misurato in quanto tale, ma a partire da quanti soldi è disposta a spendere la Regione Lombardia, dimostrando che il cosiddetto “modello lombardo” di sanità risponde a logiche di mercato anziché alla soddisfazione del bisogno di salute dei cittadini.
L'eliminazione del rischio amianto entro i prossimi anni, assume un carattere di urgenza nell'ambito delle politiche per la prevenzione e per la sicurezza nei luoghi di lavoro e ci attiveremo pertanto per sollecitare la Regione Lombardia ad elaborare e rendere operativo un Piano Regionale Amianto credibile e adeguatamente finanziato.

CGIL Lombardia
8 marzo 2005



Galateo - Privacy - Cookie