Inizio messaggio inoltrato:
Da: Avaaz <avaaz@avaaz.org>
Data: 28 marzo 2008 18:44:34 GMT+01:00
A: silvana.nicosia@gmail.com
Oggetto: Grazie per il tuo sostegno al popolo tibetano

Avaaz invia circa un messaggio alla settimana, nel quale ti dà la possibilità di intervenire subito su qualche tema globale urgente. Se hai ricevuto questo messaggio per errore, o preferisci non ricevere email da Avaaz, clicca qui per didiscriverti:
https://secure.avaaz.org/act/?r=unsub&email=silvana.nicosia@gmail.com〈=it&cid=180


Grazie per aver aggiunto la tua voce alla nostra richiesta alla Cina di cessare le violenze in Tibet. La faremo arrivare direttamente ai rappresentanti Cinesi, ma abbiamo bisogno di una adesione massiccia per poterla sostenere--piu' persone la firmeranno e piu' forte sara' il messaggio. Quindi per favore gira la mail qui sotto a tutti i tuoi amici e familiari.

Grazie ancora per il tuo aiuto,

Ricken, Paul, Pascal, Iain, Graziela, Galit ed il team di Avaaz

-----------------------

Cari Amici,

Dopo decenni di repressione i Tibetani stanno gridando al mondo la loro richiesta di cambiamento. I riflettori dei Giochi Olimpici sono adesso in Cina, ed il leader Tibetano Dalai Lama ha chiesto di far cessare le rivolte con la moderazione ed il dialogo.

In Cina i sostenitori della linea dura attaccano pubblicamente il Dalai Lama--ma molti leader Cinesi ritengono il dialogo la migliore opzione per la stabilita’ del Tibet. Il Governo in questo momento e’ davanti alla alternativa cruciale fra repressione e dialogo, che potrebbe determinare il futuro del Tibet--e della Cina.

Possiamo influenzare questa scelta storica-–la reputazione globale della Cina e’ molto importante per il Presidente Hu, e questi deve sentire da noi che il marchio ‘Made in China’ e le Olimpiadi di Pechino che si avvicinano avranno successo solo se sceglie il dialogo e non la repressione dei falchi. Una valanga fatta con il potere delle genti del mondo si sta muovendo per ottenere la sua attenzione. In una sola settimana oltre 1 milione di persone hanno firmato la nostra petizione, che verra' consegnata nel corso di marce verso le ambasciate Cinesi Lunedi'--sotto per aggiungerti anche tu al grido globale, e poi gira subito questa mail ad amici e familiari:

http://www.avaaz.org/it/tibet_end_the_violence/97.php/?cl_tf_sign=1

L’economia Cinese dipende dalle esportazioni “Made in China” che compriamo tutti, ed il Governo punta a fare delle Olimpiadi di Pechino di questa estate la celebrazione di una Cina nuova e rispettata. La Cina e' anche un paese particolare, in espansione, con un passato tormentato e con ragioni per essere preoccupata della propria stabilita' -- alcuni dimostranti Tibetani hanno ucciso degli innocenti. Ma il Presidente Hu deve comprendere che il pericolo maggiore per la stabilita' e lo sviluppo Cinesi viene dai falchi che vorrebbero piu' repressione, non da quei Tibetani che chiedono dialogo e riforme.

Il popolo Tibetano ha sofferto in silenzio per decenni. E’ venuto il loro momento di parlare--dobbiamo aiutarli ad essere ascoltati.

Con speranza e rispetto,

Ricken, Pascal, Graziela, Iain, Paul, Galit, Milena, Ben e tutto il team Avaaz

Qui trovi alcuni link con maggiori informazioni sulla protesta Tibetana e la reazione Cinese:

http://rampini.blogautore.repubblica.it/
http://lanostracina.corriere.it/
http://www.agi.it/world/news/200803191258-pol-ren0032-art.html


CHI SIAMO

Avaaz.org è un'organizzazione non-profit indipendente, che lavora con campagne di sensibilizzazione in modo che le opinioni e i valori dei popoli del mondo abbiano un impatto sulle decisioni globali. (Avaaz significa "voce" in molte lingue.) Avaaz non riceve fondi da governi o aziende ed è composta da un team internazionale di persone sparse tra Londra, Rio de Janeiro, New York, Parigi, Washington e Ginevra.

Vai a vedere le nostre pagine su Facebook e Myspace!


Ricevi questo messaggio perché hai firmato la campagna "Stai a fianco del Tibet - Sostieni il Dalai Lama" il 2008-03-28 10:48:26 usando l'indirizzo silvana.nicosia@gmail.com.
Per essere sicuro di ricevere i messaggi di Avaaz aggiungi l'indirizzo avaaz@avaaz.org alla tua rubrica. Per cambiare la tua e-mail, lingua o altri dati, go here, oppure cancella il tuo indirizzo.Non rispondere a questo messaggio. Per metterti in contatto con Avaaz scrivi a info@avaaz.org oppure invia una lettera al nostro ufficio di New York: 260 Fifth Avenue, 9th floor, New York, NY 10001 U.S.A. Se incontri difficoltà tecniche vai al sito http://www.avaaz.org/it.