Info Visita RCM Registrati Aiuto Eventi@MI Cerca Novità Home Page di RCM Logo di RCM Logo associazioni.millano.it
Up One Level  Up One Level
New Message  New Message
Reply  Reply
Forward  Forward
Previous in Thread  Previous in Thread
Previous Unread  Previous Unread
Next in Thread  Next in Thread
Next Unread  Next Unread
Help  Help
FAQ  FAQ
  Message  

Message 

Postmark
   
Home Page  •  Rete Civica di Milano  •  Rete Cittadini Milano - home  •  Milano Muri Puliti  •  Message
 
  Thursday 4 June 2009 14:45:50  
From:
Oliverio Gentile   Oliverio Gentile
 
Subject:

ALTRI 2 WRITER PROCESSATI, APPELLO DEL SINDACO CONTINUA A PRODURRE EFFETTI

 
To:
Milano Muri Puliti   Milano Muri Puliti
 
Dall'Ufficio Stampa del Comune di Milano:

GRAFFITI. DE CORATO: “ALTRI 2 WRITER PROCESSATI, APPELLO DEL SINDACO CONTINUA A PRODURRE EFFETTI”
Comune ammesso come parte civile per danni materiali e all’immagine. A luglio le sentenze

Milano, 4 giugno 2009 - “L’appello rivolto dal Sindaco Letizia Moratti in un incontro svoltosi in Prefettura il 14 gennaio sul tema writer, ovvero di non lasciare impuniti gesti che sono costati 25 milioni di euro in due anni, continua a produrre effetti. Anche oggi infatti si sono celebrati due processi per imbrattamenti sul Duomo e su un edificio di via Gian Galeazzo. Il giudice di pace ha accolto la costituzione di parte civile del Comune non solo per i danni materiali ma anche per quelli all’immagine e per l’impegno profuso in questa battaglia. Se si tiene conto che uno degli edifici è di proprietà privata, si aprono nuovi fronti di contrasto al fenomeno”.

Lo dichiara il vice Sindaco e assessore alla Sicurezza Riccardo De Corato in merito a due procedimenti penali contro i writer che oggi si sono tenuti davanti ai giudici di pace. Nel primo, un italiano di 20 anni è accusato di aver imbrattato il 21 ottobre un muro laterale del Duomo con l’aggravante di aver deturpato un bene monumentale del centro storico. Per l’altro episodio, un writer brasiliano di 24 anni è accusato di aver imbrattato il 12 ottobre 2008 con bombolette spray un edificio privato di via Gian Galeazzo.
Gli episodi dono stati denunciati dalla Polizia di Stato e dai Carabinieri. Le sentenze saranno emesse il 9 e 14 luglio.

“Vedremo cosa decideranno i giudici - spiega De Corato -. Da parte del Comune l’interesse prioritario è l’effetto deterrente che si può ottenere imponendo per esempio la ripulitura degli stabili deturpati e lavori socialmente utili. Ma il fatto che siamo stati ammessi come parte civile fa presupporre il diritto a ottenere un risarcimento. Che è un ulteriore effetto deterrente”.

“Il ddl sicurezza, in via di approvazione al Senato - sottolinea De Corato -, introduce misure più severe per i writer. Con pene che arrivano fino a un anno di reclusione e multe di 3000 euro. Che in caso di recidiva salgono a due anni e la sanzione a 10 mila euro”.


Galateo - Privacy - Cookie