Info Visita RCM Registrati Aiuto Eventi@MI Cerca Novità Home Page di RCM Logo di RCM Logo associazioni.millano.it
Up One Level  Up One Level
New Message  New Message
Reply  Reply
Forward  Forward
Previous in Thread  Previous in Thread
Previous Unread  Previous Unread
Next in Thread  Next in Thread
Next Unread  Next Unread
Help  Help
FAQ  FAQ
  Message  

Message 

Postmark
   
Home Page  •  Rete Civica di Milano  •  Scienza e Tecnologia  •  Orologio di Einstein  •  Message
 
  Friday 11 November 2005 00:31:16  
From:
fioripel@tin.it                                                ,RCM Service GW   fioripel@tin.it ,RCM Service GW
 
Subject:

Bhor e Heisenberg

 
To:
Orologio di Einstein   Orologio di Einstein
 
11/11/2005 00:31:15

Bhor e Heisenberg
Volevo fare una domanda come al solito per essere sintetico mentre il principio di complementarietà di Bhor ci dice che una particella si comporta sia come un corpuscolo dotato di massa etc. sia come un’onda ed è stato confermato , qui sintetizzo , sperimentalmente per esempio scagliando Elettroni attraverso una fessura e questi invece di comportarsi come particelle  generano fenomeni di diffrazione tipici di un’onda ho letto da qualche parte che anche il famoso principio d’indeterminazione di Heisenberg  è vero anche in linea di principio, e qui casca l’asino è vero che non possiamo determinare conteporaneamente la posizione o lo stato di moto di una particella in quanto nell’atto di misurarla per esseri schietti gli spariamo contro un’altra particella e questo perturba in modo permanente la misurazione ma questo non significa che se fossimo Dei o usassimo tecnologie che per ora possono sembrarci fantascienza,potremmo osservare una particella senza usare mezzi concreti tangibili ,cosa che siamo costretti a fare vivendo in un mondo Fisico  e quindi verificare che in realtà essa ha una posizione e una velocità ben determinate,o esiste una prova matematica quindi teorica che afferma con certezza che il principio d’indeterminazione è valido?
Come nella geometria euclidea e inimmaginabile che tra due punti posti sul medesimo piano possano passare più di una retta o infinite rette coincidenti. E questo non richiede prove sperimentali.
Fiorindo Pelliccioli
fioripel@tin.it





Galateo - Privacy - Cookie