Info Visita RCM Registrati Aiuto Eventi@MI Cerca Novità Home Page di RCM Logo di RCM Logo associazioni.millano.it
Up One Level  Up One Level
New Message  New Message
Reply  Reply
Forward  Forward
Previous in Thread  Previous in Thread
Previous Unread  Previous Unread
Next in Thread  Next in Thread
Next Unread  Next Unread
Help  Help
FAQ  FAQ
  Message  

Message 

Postmark
   
Home Page  •  Rete Civica di Milano  •  Scienza e Tecnologia  •  Orologio di Einstein  •  Message
 
  Tuesday 28 March 2006 12:11:42  
From:
Lorenzo Mera   Lorenzo Mera
 
Subject:

domande

 
To:
Orologio di Einstein   Orologio di Einstein
 
Buongiorno,
Venerdì sono venuto all'incontro a Novate.

Mi sono laureato in ingegneria al Politecnico e quando ho studiato Meccanica
Razionale La relatività (sia ristretta che generale) non era richiesta (... e l'ho
accuratamente evitata).
Dopo la laurea ho ripreso il libro e mi sono studiato le equazioni per interesse
personale (è così famosa....) tuttavia non potevo dire di averla capita perchè
nonostante avessi capito da dove arrivano le equazioni non riuscivo a capire
cosa significassero.
E' questo che mi ha spinto a venire a Novate e ne sono contento.

Avrei però un problema (che forse svelerà nel prossimo incontro o in quello
successivo): venerdì ha parlato di un esperimento che è stato fatto in cui
alcuni orologi estremamente precisi sono stati caricati su un jet, sono stati
mandati in volo per un bel po', poi il jet è atterrato e hanno confrontato gli orologi
con altri sincronizzati con i primi ma che erano rimasti a terra e si è notato che
gli orologi non erano più sincronizzati.
Ora, non so se fossero in anticipo o in ritardo, ma non ha importanza, supponiamo
che fossero in ritardo. Il punto è che rispetto agli orologi in volo quelli a terra si sono
mossi e quindi avrebbero dovuto essere in ritardo.
Come si spiega che un orologio è contemporaneamente in anticipo e in ritardo con
un altro?
Forse cambia se l'esperimento è stato fatto dalle persone a terra o dal pilota
del jet? Ma non mi pare plausibile.
Oppure dipende se gli strumenti di misura siano rimasti a terra oppure siano stati
caricati sul jet? Ma anche questo non mi convince affatto.

***

Un'altra domanda: dalle animazioni che ha mostrato, quelle delle due astronavi,
nella prima animazione si vedevano due astronavi grandi uguali di cui una (quella in
alto) si muoveva verso destra, mentre nella seconda c'erano due astronavi di cui
una (quella in basso) più piccola che si muoveva verso sinistra.
Se partiamo dal principio che per il pilota la sua astronave è ferma allora pare che
se uno si muove verso sinistra vede le altre astronavi più piccole di quelli che si
muovono verso destra.
Tuttavia se avessimo fatto muovere l'astronave di sopra verso sinistra e quella
sotto verso destra avremmo ottenuto il risultato opposto.

Non riesco a capire cosa mi sfugge.

Grazie mille della cortesia.
Lorenzo


Galateo - Privacy - Cookie