Info Visita RCM Registrati Aiuto Eventi@MI Cerca Novità Home Page di RCM Logo di RCM Logo associazioni.millano.it
Up One Level  Up One Level
New Message  New Message
Reply  Reply
Forward  Forward
Previous in Thread  Previous in Thread
Previous Unread  Previous Unread
Next in Thread  Next in Thread
Next Unread  Next Unread
Help  Help
FAQ  FAQ
  Message  

Message 

Postmark
   
Home Page  •  Rete Civica di Milano  •  le Associazioni  •  ANED  •  Archivio Aned 95-00  •  Message
 
  Thursday 9 October 1997 10:59:17  
From:
Dario Venegoni   Dario Venegoni
 
Subject:

Cittadinanza onoraria a Bice

 
To:
ANED   ANED
 
A Bice Azzali
la cittadinanza
onoraria
di Peschiera


La prima volta che Bice Azzali arrivò a Peschiera del Garda fu nell'agosto del 1944. Lei, una ragazza mantovana impegnata nella lotta antifascista, era stata scoperta e arrestata insiemùe ad altri. E i gendarmi la accompagnavano nella tristemente famosa caserma "XXX Maggio" di Peschiera per interrogarla.
Una detenzione carica di tensione e di paure, che terminò solo con l'invio alla stazione, dove Bice salì sul carro merci che l'avrebbe condotta ad Auschwitz.
Sono passati tanti anni. Oltre mezzo secolo ci separano da quelle giornate. Bice non ha dimenticato, anzi: ogni volta che può ricorda quell'esperienza, perché tutti, soprattutto i ragazzi, sappiano fino a dove possono arrivare l'intolleranza e l'odio per il nemico.
Da molti anni lei approfitta delle vacanze per tornare a Peschiera, e sempre partecipa, ogni volta che può, alle celebrazioni del 25 aprile nella caserma che la vide prigioniera, fiera di quelle "belle divise italiane", dice lei, che ricorda come nel 1944 a farla da padroni anche a Peschiera, c'erano le uniformi delle SS tedesche.
La sua partecipazione e il suo attaccamento non sono passati inosservati. Il sindaco Umberto Chincarini e la Giunta comunale di Peschiera hanno deciso di conferire a questa anziana e indomita combattente antifascista la cittadinanza onoraria, quasi a risarcimento delle pene sofferte allora, e a riconoscimento della volontà di pace e di fratellanza che sempre anima le sue parole.
Un riconoscimento che Bice ha dichiarato di voler estendere a tutti i suoi compagni, che da Peschiera e dalle galere fasciste partirono per la Germania e che non tornarono.
Alla cara Bice, in questa occasione di festa, le felicitazioni e le congratulazioni di cuore di tutti i compagni di deportazione.



Galateo - Privacy - Cookie