Info Visita RCM Registrati Aiuto Eventi@MI Cerca Novità Home Page di RCM Logo di RCM Logo associazioni.millano.it
Up One Level  Up One Level
New Message  New Message
Reply  Reply
Forward  Forward
Previous in Thread  Previous in Thread
Previous Unread  Previous Unread
Next in Thread  Next in Thread
Next Unread  Next Unread
Help  Help
FAQ  FAQ
  Message  

Message 

Postmark
   
Home Page  •  Rete Civica di Milano  •  le Associazioni  •  ANPI  •  Message
 
  Monday 6 February 2006 13:26:43  
From:
Alessandro Rizzo   Alessandro Rizzo
 
Subject:

Studente picchiato da giovani di Forza Nuova

 
To:
ANPI   ANPI
anpi-LD   anpi-LD
 
L´agguato dopo la scuola a un quindicenne dell´Agnesi che aveva strappato un volantino, il ragazzo dovrà essere operato al naso
Studente picchiato da giovani di Forza Nuova
da Repubblica - 6 febbraio 2006

Ha stracciato un volantino che annunciava una manifestazione di estrema destra e cinque giovani di Forza Nuova lo hanno aspettato fuori da scuola e gli hanno rotto il naso. È successo sabato in via Bazzi, a pochi metri dalla succursale dell´istituto Agnesi dove, durante l´intervallo, i militanti di destra si erano infilati per volantinare. L´episodio, dopo i recenti scontri al Parini fra ragazzi di destra e sinistra, solleva la preoccupazione dei genitori: «Non vogliamo che la campagna elettorale entri nelle scuole».
TERESA MONESTIROLI A PAGINA III


Il ragazzo che frequenta l´Agnesi è stato aggredito da cinque ventenni che gli hanno rotto il setto nasale
Picchiato mentre torna da scuola
Lo studente aveva stracciato un volantino di Forza Nuova
Teste rasate e anfibi, lo aspettavano nascosti dal ponte
TERESA MONESTIROLI

Stava tornando a casa da scuola quando cinque ragazzi di Forza Nuova gli hanno teso un agguato. Lo studente, un quindicenne iscritto in seconda all´ex magistrale Agnesi, è stato colpito da una violenta testata che gli ha fratturato il setto nasale. L´episodio, dopo i recenti scontri al Parini fra ragazzi di destra e di sinistra, solleva la preoccupazione delle famiglie che in un comunicato chiedono alle autorità «di individuare e perseguire gli autori di questo reato. Ma anche di indagare sulle responsabilità del movimento politico». «Non vogliamo che la campagna elettorale entri nelle scuole» commentano i genitori.
Il diverbio è cominciato a mezzogiorno di sabato quando, durante il secondo intervallo, cinque ragazzi di vent´anni militanti di estrema destra si sono infilati a scuola passando dal cancello, sempre aperto, per distribuire i volantini della manifestazione di sabato prossimo. Gli studenti erano in cortile. Molti, per dimostrare la loro contrarietà, hanno buttato i fogli a terra. Qualcuno, fra cui il ragazzo aggredito, l´ha strappato. Decisi a vendicare l´affronto, i cinque militanti hanno atteso uno degli studenti fuori da scuola. Forse la scelta è caduta su di lui per il suo look più alternativo di altri: capelli colorati, piercing e pantaloni con i tasconi. Esattamente l´opposto di quello degli aggressori che invece avevano i capelli rasati, giacche di pelle nera e anfibi ai piedi. «Erano nascosti sotto il ponte di via Bazzi (dove ha sede la succursale dell´Agnesi, ndr.). Quando è arrivato gli hanno dato un altro volantino e gli hanno detto "facci vedere come sputi sui nostri volantini" - racconta il papà del ragazzo che ha una prognosi di 21 giorni e oggi verrà sottoposto a un intervento chirurgico all´ospedale San Paolo -. Mio figlio ha risposto solo che aveva il diritto di non essere d´accordo e uno gli ha dato una testata». La scuola oggi aprirà un´inchiesta, così come ha già fatto la polizia. Già circola il nome di uno dei giovani di destra, riconosciuto dagli studenti dell´Agnesi. «Vogliamo che i responsabili vengano individuati e denunciati - continua il padre che sabato ha sporto denuncia -, ma siamo spaventati da possibili ritorsioni».
«Faremo un´indagine per capire quello che è successo - dice il preside Giovanni Gaglio -. Chiederò alla Provincia di ripristinare il servizio di sorveglianza fuori da scuola e di accelerare l´installazione delle videocamere ai cancelli». Pierfrancesco Majorino, segretario cittadino dei Ds, commenta: «Ci auguriamo che nei prossimi mesi siano tenuti sotto controllo estremisti di Forza Nuova che stanno rivendicando uno strano diritto all´odio».


AGNESI
Strappa volantino Studente picchiato
Picchiato per aver strappato un volantino «politico». È uno studente dell'Agnesi la vittima di un gruppo di Forza Nuova. È all'ospedale con una frattura al setto nasale.

MAGISTRALI AGNESI
Strappa volantino di Forza Nuova, studente aggredito
dal Corriere - 6 febbraio 2006
Rossi e neri. Studenti contro studenti. Sale la tensione politica nelle scuole. Un quindicenne del magistrale Agnesi è stato aggredito sabato mattina da alcuni simpatizzanti di Forza Nuova.
Frattura scomposta al naso in seguito a una violenta testata. Il motivo: aver stracciato un volantino che invitava alla manifestazione organizzata per sabato 11 febbraio dal gruppo di estrema destra. Via Bazzi, succursale dell'Agnesi: intorno alle 12 di sabato mattina cinque «skinhead» di Forza Nuova «sui 20-21 anni» (dicono i testimoni) sono entrati a scuola scavalcando i cancelli. Un blitz di pochi minuti: il tempo di distribuire i volantini e memorizzare il volto di quel «rosso» con la cresta colorata e tre piercing che aveva strappato l'invito al corteo. Così, al termine delle lezioni, gli «skinhead» («capelli cortissimi, anfibi e giubbotti di pelle») hanno aspettato il giovane a trecento metri dalla scuola. Racconta la madre: «Si sono nascosti sotto il ponte della ferrovia. Gli hanno dato un manifestino e gli hanno detto: "Facci vedere come fai a sputare sui nostri volantini". La risposta: "Posso anche non essere d'accordo e stracciarlo». Quindi la testata. Lo studente è stato trasportato al San Paolo, dove oggi sarà operato al setto nasale. «Ora è terrorizzato e teme ritorsioni», aggiunge il padre che ha sporto denuncia al posto di polizia del San Paolo e che nei prossimi giorni si rivolgerà al commissariato di zona. Anche il preside dell'istituto, Giovanni Gaglio, farà denuncia contro ignoti per l'incursione nel cortile. «Mi auguro che questo — dice Gaglio — non sia un segnale di imbarbarimento del clima studentesco». Il preside si prepara a chiedere alla Provincia l'installazione di telecamere all'ingresso della scuola, l'automazione dei cancelli e un videocitofono. «Mi rivolgerò alle volanti — aggiunge — per avere un'intensificazione del servizio di ronda». Anche l'assessore provinciale all'Istruzione, Sandro Barzaghi, è preoccupato. Prima il Parini, con lo scontro tra «disobbedienti» e giovani di destra, ora l'Agnesi. «La situazione è grave — dice l'assessore — non vorrei che si tornasse indietro di trent'anni». Barzaghi parlerà oggi con il questore, Paolo Scarpis. «Gli chiederò di garantire sicurezza ai ragazzi dell'Agnesi e di evitare rappresaglie». Un gruppo di genitori dell'istituto si è rivolto «alle autorità competenti» per far luce sul «gravissimo episodio».



Galateo - Privacy - Cookie