Info Visita RCM Registrati Aiuto Eventi@MI Cerca Novità Home Page di RCM Logo di RCM Logo associazioni.millano.it
Up One Level  Up One Level
New Message  New Message
Reply  Reply
Forward  Forward
Previous in Thread  Previous in Thread
Previous Unread  Previous Unread
Next in Thread  Next in Thread
Next Unread  Next Unread
Help  Help
FAQ  FAQ
  Message  

Message 

Postmark
   
Home Page  •  Rete Civica di Milano  •  le Associazioni  •  ANPI  •  Message
 
  Thursday 9 February 2006 01:37:28  
From:
Alessandro Rizzo   Alessandro Rizzo
 
Subject:

FOIBE: FASCISTI SANTI SUBITO

 
To:
ANPI   ANPI
anpi-LD   anpi-LD
 
FOIBE: FASCISTI SANTI SUBITO!


--- In aa-info @ yahoogroups.com, "pedroslavo" ha scritto:

    FOIBE: FASCISTI SANTI SUBITO

    "A dio i martiri non hanno fatto mai cambiar giudizio" (Giorgio
Gaber)

Il 10 febbraio ricorre la "Giornata della memoria per le vittime delle foibe". O meglio: erano "vittime" due anni fa. Sono diventati "martiri" l'anno scorso. Quest'anno sono passati allo status di "eroi" (come quel mercenario di Quattrocchi, non a caso). L'anno prossimo assisteremo alla Santificazione dei fascisti giustiziati dalle truppe di liberazione dell'Esercito jugoslavo di Tito.

Potremmo stare a guardare mentre la Storia viene riscritta da malferme mani di squadristi ripuliti più avvezzi al manganello che alla penna? Potremmo. Già lo fanno i democratici di sinistra, gli innocenti egualmente pentiti, gli intellettuali di sinistra ansiosi di pubblicizzare l'abiura, i conformisti salottieri d'ogni dove. Ma non vogliamo.

L'equiparazione tra vittime partigiane e vittime dei partigiani, che segue di pari passo quella legislativa tra Repubblichini di Salò e Garibaldini, è il frutto marcio della cattiva coscienza di un'opinione pubblica anestetizzata che concede credito alla malafede di un ceto politico disgustosamente nostalgico composto di fascisti tanto codardi da spacciare gli Assassini e i Coloni come Eroi perché incapaci di sopportarne il peso e la memoria.
Si basano sull'ignoranza, costoro. Sul pathos, sull'emotività distorta di tanti immemori che non hanno mai sentito parlare dell'occupazione italiana in Jugoslavia, come di Marzabotto, di Sant'Anna di Stazzema, della Risiera di San Sabba, del confino politico di Ventotene, delle Tremiti del campo di prigionia di Manfredonia ma che, dopo il lavaggio televisivo, PRETENDONO di PONTIFICARE sulla storia dell'Istria, sul confine orientale, sui partigiani rossi e i "poveri italiani massacrati"...

Si processano le foibe per processare la Resistenza, per eliminare gli "opposti estremismi", per giungere alla "pacificazione", per poi riprendere col discorso neoirredentista sul confine orientale.

Noi non lo permettiamo.

IN FACCIA AI FASCISTI (ripuliti e non), AI DEMOCRATICI in sconto, AGLI EQUIDISTANTI D'OCCASIONE, gridiamo: VIVA LA RESISTENZA EUROPEA, VIVA TITO, VIVA I PARTIGIANI ITALIANI E JUGOSLAVI.

Collettivo comunista AgitProp
Laboratorio politico Jacob
via M.Pagano,38 - Foggia


www.agitproponline.com

*manifesto affisso a Foggia il 6/02/2006


Galateo - Privacy - Cookie