Info Visita RCM Registrati Aiuto Eventi@MI Cerca Novità Home Page di RCM Logo di RCM Logo associazioni.millano.it
Up One Level  Up One Level
New Message  New Message
Reply  Reply
Forward  Forward
Previous in Thread  Previous in Thread
Previous Unread  Previous Unread
Next in Thread  Next in Thread
Next Unread  Next Unread
Help  Help
FAQ  FAQ
  Message  

Message 

Postmark
   
Home Page  •  Rete Civica di Milano  •  le Associazioni  •  ANPI  •  anpi-LD  •  Message
 
  Thursday 25 September 2008 11:02:23  
From:
Alessandro Rizzo   Alessandro Rizzo
 
Subject:

Le delazioni contro gli ebrei

 
To:
anpi-LD   anpi-LD
 
I delatori non tardarono a mettersi in moto e sotto certi aspetti anticiparono il diritto pubblico, denunciando comportamenti che solo in una fase successiva furono sanzionati come reati, come il possesso di un apparecchio radiofonico o l’assunzione di personale di servitù di "razza ariana".

Trieste fu uno dei luoghi nei quali maggiormente si esercitò il rituale della delazione. Una campagna d’odio fu orchestrata dai fascisti triestini che sfruttarono il malcontento e l’insofferenza generati dall’arrivo di centinaia di ebrei fuggiaschi dal Reich. Fin dall’estate del 1938 partirono memoriali anonimi indirizzati al ministero dell’Interno per segnalare persone da "eliminare", così come non mancarono scritte murali inneggianti a Hitler e alla politica di discriminazione razziale. Anche chi, tra mille cautele, era riuscito a mantenere un minimo di attività lavorativa e di vita sociale, veniva immediatamente segnalato.

Denunce e delazioni riguardavano anche episodi marginali: una lettera anonima al questore di Ancona segnala che a Falconara Marittima "… un ebreo, tale Fornari Mario, avrebbe potuto installare …un apparecchio telefonico facendolo intestare a nome della donna di servizio", il Fornari, in seguito, fu deportato ad Auschwitz, dove morì nel 1944.

Tra l’estate 1940 e la caduta di Mussolini circa 400 ebrei italiani antifascisti e 6.000 ebrei stranieri furono internati in campi di concentramento o confinati. L’internamento spesso dipendeva da comportamenti privati segnalati per via anonima alle autorità.

Fu l’8 settembre 1943 a segnare però un vero spartiacque tra la fase della negazione dei diritti e quella della persecuzione contro la vita, con l’avvio delle deportazioni su larga scala.


http://www.anpi.it/delatori.htm



Galateo - Privacy - Cookie