Info Visita RCM Registrati Aiuto Eventi@MI Cerca Novità Home Page di RCM Logo di RCM Logo associazioni.millano.it
Up One Level  Up One Level
New Message  New Message
Reply  Reply
Forward  Forward
Previous in Thread  Previous in Thread
Previous Unread  Previous Unread
Next in Thread  Next in Thread
Next Unread  Next Unread
Help  Help
FAQ  FAQ
  Message  

Message 

Postmark
   
Home Page  •  Rete Civica di Milano  •  le Associazioni  •  ANPI  •  anpi-LD  •  Message
 
  Friday 26 September 2008 18:51:57  
From:
Alessandro Rizzo   Alessandro Rizzo
"Associazione La Conta" <laconta@interfree.it>   "Associazione La Conta" <laconta@interfree.it>
 
Subject:

Fwd: Ieri, 25 settembre 2008 motro Stell Fioravante, comandate partigiano alle

 
To:
anpi-LD   anpi-LD
 
Attachments:
Attach0.html  Attach0.html 10K
 
Ieri, 25 Settembre 2008 E' MORTO STELL FIORAVANTE, comandante partigiano
alle Officine Borletti, dirigente sindacale, educatore .
 
I funerali di STELL FIORAVANTE si svolgeranno sabato 27 c.m. alle ore
10,30 in via Ugo Betti, 123. (M1 fiera- Bonola).
 
Di seguito riportiamo il testo delle motivazioni per la concessione della
Targa della Riconoscenza attribuitagli dal Consiglio di Zona 7 di Milano
in occasione del Giorno della Memoria 2008.
 
 
L'associazione La Conta esprime il più profondo cordoglio e l'affetto ai
familiari di Stell e a tutti i loro cari.
 
Noi abbiamo conosciuto Stell nel 2005, in occasione della presentazione
del libro "Le lavoratrici ed i lavoratori della Borletti: Storie di vita e
di lotta 1940 al 1943" di Giovanna Gulli e Tommaso Lana (Ed. Ediesse) al
quale collaborò con le sue memorie e ricerche.
 
Da allora  con Stell ci siamo stesso ritrovati e di lui ricordiamo il suo
modo di raccontare semplice,  la sua grande generosità e la  sua passione
per i canti dei repertori della Resistenza. Sempre con il sua discrezione
e umiltà.
 
Ci mancherai Stell,  con il  tuo modo d'essere sempre sereno e di grande
umanità. Ci mancheranno, Stell,  le tue memorie,  le tue ricerche e le tue
passioni.
 
Ciao Stell, ci hai insegnato tanto!!
 
Associazione La Conta
 
 

FIORAVANTE STELL

 
Un ragazzo che  frequenta la scuola professionale dell’ Umanitaria per poi
via via diventare un  operaio specializzato in meccanica ed assunto alle
Officine Borletti già all’ età di sedici anni addetto  subito dopo  al
collaudo e campionatura del materiale bellico di alta precisione usato
dalla marina militare.
Così alla chiamata alle armi viene assegnato al controllo  della
produzione alla Borletti, ma  questa volta, in divisa di marinaio. Gli fu
facile, quasi spontaneo, continuare il suo lavoro ed insieme diventare  
presto un importante elemento di collegamento, di diffusione della stampa
clandestina, di guida  per i più  giovani.
La Borletti, che in passato si era persino chiamata  per un periodo
“Industrie Femminili  Lombarde.” era una fabbrica “ al femminile” , gli
uomini erano  quasi soltanto capi , operai specializzati,  dirigenti o
impiegati. Ma fu anche una fabbrica  in cui  ampie discussioni, unione tra
le maestranze, buoni rapporti tra direzione e lavoratori  permise  la
conduzione antifascista vivace ma condivisa, chiara  e convincente. Non è
qui il luogo per descrivere i mille episodi della guerra 1940-1945
vissuti all’ interno delle Officine Borletti , divenute  non solo luogo di
lavoro, ma anche di vita sociale, di amicizia e di lotta per Fioravante
Stell.
Molti episodi lo vedono protagonista,  sempre sereno, altruista , amico.
Poi , dopo la fine della guerra , stavolta nel sindacato  degli operai
metallurgici, a difendere il posto di lavoro , le condizioni contrattuali,
ad accompagnare la vita della “ sua” fabbrica fino alla definitiva
chiusura  ed al pensionamento.
Era venuto il tempo per  documentare la storia vissuta, per raccontarla
alle giovani generazioni,  per essere presente sempre disponibile,
attento, sensibile.
Fioravante  Stell è la testimonianza di come sia fatto il popolo
italiano:sembra  sempre  incerto, insensibile, poco coerente , ma al
momento del bisogno, del  pericolo, del sacrificio è pronto alla prova,
alla battaglia, alla solidarietà, alla unione.
E’ stato un protagonista  di un momento difficile e duro della storia del
suo paese, uno dei tantissimi uomini e donne semplici, modesti, generosi
ai quali dobbiamo il nostro ringraziamento e la nostra riconoscenza.      
 






Galateo - Privacy - Cookie