Info Visita RCM Registrati Aiuto Eventi@MI Cerca Novità Home Page di RCM Logo di RCM Logo associazioni.millano.it
Up One Level  Up One Level
New Message  New Message
Reply  Reply
Forward  Forward
Previous in Thread  Previous in Thread
Previous Unread  Previous Unread
Next in Thread  Next in Thread
Next Unread  Next Unread
Help  Help
FAQ  FAQ
  Message  

Message 

Postmark
   
Home Page  •  Rete Civica di Milano  •  le Associazioni  •  ANPI  •  anpi-News  •  Message
 
  Thursday 29 June 2006 12:46:20  
From:
Alessandro Rizzo   Alessandro Rizzo
 
Subject:

Iniziative e manifestazioni di protesta

 
To:
anpi-News   anpi-News
 


Iniziative e manifestazioni di protesta


1) presidente dell'ANPI di Massa condannato per aver cancellato una svastica tracciata sul monumento a un partigiano!
2) Susa 2/7: "Vorrei morire anche stasera se dovessi pensare che non é servito a niente"
3) Schio 9/7: Manifestazione antifascista




1)


Promemoria
Associazione per la difesa dei valori dell’antifascismo e dell’antinazismo
Drutvo za zaito vrednot protifaizma in protinacizma
e-mail:  promemoriats@virgilio.it


Trieste, 26.6.2006



Comunicato stampa – con richiesta di pubblicazione



Qualche giorno fa il presidente dell’Anpi di Massa Ermenegildo Della Bianchina e un altro antifascista sono stati condannati perché, il 30 aprile ‘04, in concorso tra loro, “... promuovevano, organizzavano ed incitavano, mediante affissione di striscioni, distribuzione di volantini, una riunione pubblica davanti al monumento in memoria del partigiano Aldo Salvetti senza darne preventivo avviso all’Autorità di Pubblica Sicurezza” in base al Regio Decreto n° 773 emanato il 18 giugno 1931, in pieno regime fascista. Quel giorno gli antifascisti massesi si erano recati al monumento ad Aldo Salvetti, partigiano comunista della formazione “Cartolari” catturato, torturato e ucciso dai tedeschi nel 1944, per cancellare la svastica con cui era stato sfregiato e deporvi dei mazzi di fiori.
Mentre ai fascisti viene consentito di sfilare protetti dalla polizia, come l’11 marzo ’06 a Milano, e le autorità non sono “capaci” di scoprire e punire i responsabili delle provocazioni fasciste, come quelle avvenute l’anno scorso al monumento ai partigiani del 9° Korpus in territorio sloveno e recentemente alle scuole slovene di Gorizia, queste stesse autorità perseguono sistematicamente – in base a leggi fasciste ! - chi in qualsiasi modo si opponga al fascismo. Come è avvenuto l’11 marzo a Milano con le cariche selvaggie e gli arresti subiti dagli antifascisti che tentavano di impedire l’oltraggiosa e illegale sfilata fascista, e come è accaduto agli antifascisti toscani, rei di aver voluto porre rimedio ad un oltraggio alla memoria di un antifascista caduto. 
Sono i frutti di anni di riabilitazioni del fascismo e di criminalizzazione dell’antifascismo, di celebrazioni dei “martiri dele foibe” e di denigrazione della resistenza, di leggittimazione – in barba alle leggi e alla costituzione – di formazioni esplicitamente fasciste  che rimandano, seppure in termini e proporzioni – per ora – diversi, gli anni precedenti alla salita al potere del fascismo, quando le squadre fasciste potevano agire impunemente protette, finanziate e sostenute dagli apparati dello stato liberale. Di fronte a questo riteniamo sia necessario rinsaldare l’unità e la solidarietà antifasciste. Esprimiamo perciò la nostra più ampia solidarietà al presidente dell’ANPI di Massa e a tutti gli antifascisti massesi colpiti da una così infame condanna e invitiamo tutti gli antifascisti onesti ad inviare messaggi di solidarietà all’indirizzo: Della Bianchina Ermenegildo c/o sede Comitato Provinciale ANPI, P.zza Mazzini, 22, 54100 Massa.
 
Per Promemoria
Il presidente
Sandi Volk    



Contatti: 3495015941





2) 



-----Messaggio originale-----
Da: Alberto Perino [mailto:Alberto.Perino@poste.it]
Inviato: venerdì 23 giugno 2006 23.01



 


Domenica 2 luglio alle ore 21 , in coda alle manifestazioni che ricordano la lotta partigiana del Colle del Lys , verrà rappresentato a Susa , nel cortile del Castello della Contessa Adelaide , lo spettacolo di Dario Fo " Vorrei morire anche stasera se dovessi pensare che non é servito a niente " con l'attore Mario Pirovano. Lo spettacolo, che é stato rappresentato da Dario Fo un'unica volta nel 1970 , affronta il tema della Resistenza senza celebrazioni né retorica e parla del dramma di persone in carne ed ossa , con le loro paure, le loro contraddizioni e le loro speranze , alternando pathos ad euforia , tenerezza ad umorismo. L'attualità dello spettacolo sta nel riportare speranze e delusioni della guerra partigiana in Italia, alle aspettative di libertà presenti ancor oggi nella lotta delle popolazioni oppresse. Lo spettacolo , patrocinato dai Comuni di Susa e di Mompantero e dalla Comunità Montana Bassa Valle, é un regalo che l'attore Mario Pirovano ha inteso fare al Movimento per la Lotta contro l'Alta Velocità in Val di Susa , movimento simbolo di resistenza non violenta e favorevole ad un progetto di futuro umanamente sostenibile.

 Ingresso gratuito


 


Si prega di diffondere




3) 


SCHIO 9 LUGLIO 2006 : SAREMO IN PIAZZA PER LA DEMOCRAZIA , PER IL RISPETTO DELLA COSTITUZIONE ,
CONTRO IL FASCISMO DI IERI DI OGGI E DI DOMANI !!
 
Si avvicina anche quest’anno la fatidica data che i neo-fascisti di tutta Italia hanno individuato per infangare la memoria della nostra città, medaglia d’argento alla Resistenza. Grazie all’impegno dei parlamentari dell’Unione eletti nel nostro territorio, grazie all’impegno profuso da alcuni partiti ed associazioni di movimento locali negli ultimi anni  e grazie anche al cambiamento di Governo  avvenuto da poco nel nostro paese pare, dalle notizie che abbiamo in possesso, che quest’anno la vergognosa parata fascista venga finalmente vietata.  Non è ancora stato raggiunto però il vero obbiettivo che ci eravamo preposti e cioè quello di fare in modo che nessuna celebrazione in memoria di tutti i caduti delle RSI si svolgesse a Schio a luglio e in nessun altro periodo. Sembra infatti, sempre dalla notizie delle quali siamo in possesso, che  l’utilizzo del sacrario militare di SS. Trinità sia stato comunque concesso. Questo significa che ancora una volta, centinaia di fascisti di tutta Italia arriveranno a Schio, e come ogni anno, all’interno di un sacrario ove sono sepolti anche numerosi partigiani, inneggeranno al Duce ed al ventennio fascista. Ribadiamo ancora un volta che la vicenda dell’eccidio di Schio rappresenta per questi personaggi solamente uno dei tanti  pretesti utilizzati al fine di rivalutare in pieno il ventennio fascista. Questo periodo storico è stato già giudicato ampiamente dalla storia democratica del nostro paese e la Costituzione Italiana ne rappresenta l’esempio più evidente.  Apprendiamo purtroppo che anche quest’anno le principali forze politiche dell’Amministrazione Comunale di Schio hanno deciso di applicare una strategia già rivelatasi fallimentare negli anni scorsi : la strategia del vuoto pneumatico.


 



In ogni caso, nei prossimi giorni, vi inveremo molto probabilmente, un appello promosso dall'ANPI della provincia di Vicenza al quale aderiremo e con il quale inviteremo tutti coloro che hanno ancora a cuore i valori antifascisti a recarsi in piazza il giorno Domenica 9 luglio 2006 alle ore 10,00 a Schio.


 



NON APPENA SAREMO IN POSSESSO DI TUTTI I DATI RELATIVI ALL'ORGANIZZAZIONE DELLA GIORNATA VE LO FAREMO SAPERE !!


 


 


Nel frattempo chiediamo a tutti i compagni ed alle compagne di mobilitarsi affinchè la partecipazione alla manifestazione del 09 luglio 2006 sia la maggiore possibile !!


 


 


Se avete bisogno di indicazioni e o delucidazioni in merito inviate pure una mail a : prcschio@libero.it


 


 


saluti antifascisti


 





Partito della Rifondazione Comunista - circolo "P.TRESSO" SCHIO




=== * ===


P A R T I G I A N I !
http://www.cnj.it/PARTIGIANI/



=== * ===



Galateo - Privacy - Cookie