Info Visita RCM Registrati Aiuto Eventi@MI Cerca Novità Home Page di RCM Logo di RCM Logo associazioni.millano.it
Up One Level  Up One Level
New Message  New Message
Reply  Reply
Forward  Forward
Previous in Thread  Previous in Thread
Previous Unread  Previous Unread
Next in Thread  Next in Thread
Next Unread  Next Unread
History  History
Help  Help
FAQ  FAQ
  Message  

Message 

Postmark
   
Home Page  •  rcmweb  •  VerdiMilano  •  Verdi Milano  •  Indice forum  •  VERDI  •  club dell'ulivo  •  2005  •  Message
 
  Tuesday 19 April 2005 16:42:14  
From:
Alessandro Rizzo   Alessandro Rizzo
 
Subject:

Prodi: «Parola agli elettori, non possiamo permetterci un anno allo sbando»

 
To:
club dell'ulivo   club dell'ulivo
 
L'UNITA' - 19.04.2005
Prodi: «Parola agli elettori, non possiamo permetterci un anno allo sbando»
di red


«A questo punto la parola deve tornare agli elettori, il nostro paese non può permettersi di vivere un anno allo sbando». Ad affermarlo è Romano Prodi. «Parliamoci chiaro – spiega - non vorrei si arrivasse al periodo estivo, quando le elezioni non sono più possibili». Un rischio da evitare: «Per rispetto agli italiani, questo balletto deve finire. Non si può andare avanti con continui rinvii di decisioni».
I partiti dell’Unione dunque hanno cambiato strategia. Di fronte al progressivo disfacimento della maggioranza non basta più invocare la correttezza istituzionale e chiedere al governo di governare. Non basta più perché Berlusconi e i suoi alleati non sono in grado di farlo. E allora la soluzione è una sola. Andare alle urne. Subito.
Prodi lancia la nuova linea alla vigilia del dibattito parlamentare sulla crisi. Appellandosi al ministro dell’interno Beppe Pisanu: «Garantisca la possibilità di votare».
Il candidato premier dell’Unione non teme che la coalizione di centrosinistra si faccia trovare impreparata alla prova di un voto anticipato: «Presenteremo il programma al momento opportuno», afferma sicuro. Ovvero quando si saprà la data delle elezioni. Prima però la parola spetta a Berlusconi: «Dobbiamo sapere cosa sta succedendo».



Galateo - Privacy - Cookie