Info Visita RCM Registrati Aiuto Eventi@MI Cerca Novità Home Page di RCM Logo di RCM Logo associazioni.millano.it
Up One Level  Up One Level
New Message  New Message
Reply  Reply
Forward  Forward
Previous in Thread  Previous in Thread
Previous Unread  Previous Unread
Next in Thread  Next in Thread
Next Unread  Next Unread
History  History
Help  Help
FAQ  FAQ
  Message  

Message 

Postmark
   
Home Page  •  rcmweb  •  VerdiMilano  •  Verdi Milano  •  Indice forum  •  VERDI  •  club dell'ulivo  •  Message
 
  Friday 17 November 2006 19:10:14  
From:
Alessandro Rizzo   Alessandro Rizzo
"Coordinamento Pace" <media.rossa@tiscali.it>   "Coordinamento Pace" <media.rossa@tiscali.it>
 
Subject:

Fwd: Iniziative su Palestina e Medio Oriente

 
To:
Comunismo   Comunismo
Alessandro Rizzo LD   Alessandro Rizzo LD
club dell'ulivo   club dell'ulivo
 
Attachments:
Attach0.html  Attach0.html 15K
 

----- Messaggio Originale -----

               mercoledì 15 novembre 2006 16.15.09
Messaggio
Da:            "Coordinamento Pace" <media.rossa@tiscali.it>
Oggetto:        Iniziative su Palestina e Medio Oriente
A:             <media.rossa@tiscali.it>
Allegati:              Attach0.html          15K

Segnaliamo di seguito due iniziative e un appello di lavoro del movimento, con l'invito a partecipare e a diffondere sulle proprie liste.
Saluti di pace

Coordinamento Pace
 


GIOVEDI' 16 NOVEMBRE 2006
Ore 21 - presso Coop. Agricola, Via Mariani 10, Cinisello Balsamo
I giovani comunisti di Cinisello Balsamo organizzano

Racconti dalla PALESTINA
storie di ordinaria occupazione
intervengono
Maria Giulia Agnoletto (Salam Ragazzi dell' Olivo)
Matteo Lombardi
(Giovani Comunisti)



SABATO 18 NOVEMBRE 2006
MANIFESTAZIONE NAZIONALE A MILANO
PER LA PACE E LA GIUSTIZIA IN MEDIO ORIENTE
Ore 14 - Porta Venezia

Comitato organizzatore: tavola della pace, Coordinamento nazionale degli enti locali per la pace, Action for peace, Articolo 21, Consulta provinciale della pace (MI), Coordinamento Pace in Comune (MI), Arci, Acli, Agesci, Cgil, Cisl, Beati i costruttori di pace, Cipsi, Volontari nel Mondo, Legambiente, Libera, Associazione per la pace, Banca etica, ICS-consorzio italiano di solidarietà, Emmaus italia, Pax Christi, Manitese, Centro per la pace Forli, Peacelink, Lega per i diritti e la liberazione dei popoli, Forum trentino per la pace, Coordinamento nazionale comunità di accoglienza, Moviemento federalista europeo...

 


APPELLO
AL MOVIMENTO CONTRO LA GUERRA


In questi ultimi mesi quella che da sempre abbiamo chiamato “guerra globale permanente” è proseguita e centinaia di migliaia di donne e uomini ne sono state le principali vittime.

Il movimento che in questi anni si è mobilitato per fermare questa guerra sembra oggi in difficoltà – soprattutto in Italia, dove in passato si sono invece svolte le più grandi manifestazioni europee. Riteniamo fondamentale un suo rilancio per riattivare l’iniziativa delle migliaia di persone che ne sono state motore.
L’assemblea di Firenze del 21/22 ottobre è stato un primo momento che ha mostrato, accanto alle difficoltà accennate, anche il permanere di un linguaggio comune e le potenzialità per un’iniziativa contro le politiche delle guerra globale – perché ancora forte è il sentimento di opposizione alla guerra dentro le reti e le organizzazioni che hanno attraversato le mobilitazioni di questi anni.
 
Il 18 novembre il movimento manifesterà per la Palestina e le/i palestinesi. La manifestazione di Milano promossa dalla Tavola della Pace potrebbe vedere una partecipazione importante e la scelta di “Action for Peace” di essere tra i promotori e di portare un suo contributo di proposte ci spinge ad un impegno per far crescere la partecipazione al corteo.
Questo però non cambia la nostra convinzione che il movimento contro la guerra in questo momento debba mettere in campo un’iniziativa complessiva – a partire dalla richiesta di ritiro immediato dei soldati dall’Afghanistan e di iniziare a praticare politiche di disarmo, riducendo le spese militari.
 
Cinque anni fa l’invasione dell’Afghanistan diede il via alla guerra globale permanente - una strategia di dominio mondiale con cui il governo Usa e le grandi multinazionali hanno segnato la nuova corsa alla predazione delle risorse energetiche globali e hanno tentato di rispondere alla caduta verticale di consenso del modello neoliberista.
Questi cinque anni di guerra hanno provocato centinaia di migliaia di vittime civili, hanno affamato le popolazioni coinvolte, hanno reso più insicuro l’intero pianeta e la vita delle persone. E la guerra è tornata nel luogo della grande rimozione mondiale, nella madre di tutte le contraddizioni : il Medio Oriente del Libano e della Palestina.
L’aggressione israeliana al Libano, fermata dall’opposizione dell’intero popolo libanese, vede oggi un’interposizione da parte di una missione Onu. Una situazione che ha garantito una tregua, non la pace. Una vera pace può essere perseguita solo da una forte pressione politica per il rispetto del diritto internazionale, a partire dalle risoluzioni dell’Onu che chiedono il ritiro dai territori occupati in Palestina, Siria e Libano.
 
Cinque anni fa le strade di Genova hanno visto una nuova generazione scendere in campo. Dichiarando che “un altro mondo è possibile” quel movimento ha assunto come elemento fondativo della propria radicale alterità il “no” alla guerra e al liberismo.
Un movimento che ha ottenuto un primo importante risultato: la caduta del governo guerrafondaio di centro-destra e il ritiro delle truppe italiane dall’Iraq.
Un primo risultato è raggiunto, ma non è ancora mutato lo scenario: il mantenimento della missione in Afghanistan, gli scenari geostrategici internazionali evidenziano l’enorme distanza ancora esistente tra i luoghi della decisione politica e il comune sentire delle popolazioni, per le quali l’unica “riduzione del danno” è la fine della guerra, la costruzione di politiche e pratiche di pace e di giustizia sociale.
 
Per questo noi oggi facciamo appello a tutte le donne e gli uomini, a tutte le reti, associazioni e organizzazioni sociali e politiche che in questi anni hanno partecipato a quel popolo della pace che ha inondato le piazze di questo Paese per riaprire una stagione di lotta e di mobilitazione sociale a partire da una grande manifestazione nazionale per la Palestina e per una pace giusta in Medio Oriente.
Vogliamo costruire un percorso che faccia uscire l’Italia da qualunque presenza militare in Afghanistan, dall’economia della guerra, dalla politica intesa come partecipazione ad alleanze militari che hanno evidenti scopi aggressivi, da relazioni internazionali basate sul dominio del più forte sul più debole.
 
Per questo parteciperemo ed invitiamo a partecipare alla manifestazione indetta per il 18 novembre a Milano, portando una piattaforma comune e condivisa che abbia al centro :
a) i diritti del popolo palestinese, nell’ambito dell’obiettivo “due popoli e due stati”, alla costituzione di uno Stato nei Territori occupati nel 1967 ; per far ciò occorre ripristinare il diritto internazionale che prevede lo smantellamento del Muro, il ritiro di Israele dai Territori occupati, la liberazione dei prigionieri, lo sblocco degli aiuti europei al legittimo governo palestinese, la rottura dell’accordo di cooperazione militare fra Italia e Israele;
b) il ritiro delle truppe dall’Afghanistan e da tutte le missioni di guerra, con una ridiscussione della politica estera italiana che dovrà essere fondata su iniziative di pace e su relazioni nord-sud con al centro la giustizia sociale e la pari dignità tra i popoli;
c) il rifiuto della presenza sul territorio nazionale delle basi militari della Nato e di qualunque Paese straniero;
d) una finanziaria di pace, con una drastica riduzione delle spese militari, l’avvio di un serio programma di riconversione dell’industria militare con un’ esplicita garanzia occupazionale per i lavoratori del settore;
e) la redazione di un Piano Energetico nazionale, con il coinvolgimento dei territori e delle popolazioni locali, che preveda la graduale fuoriuscita del Paese dalla dipendenza dalle fonti energetiche fossili, attraverso politiche di risparmio energetico e di utilizzo delle fonti rinnovabili, per permettere al nostro Paese di non avere necessità geostrategiche che lo coinvolgano nelle politiche delle guerra  globale;
e) nuove politiche di cooperazione internazionale che prevedano la destinazione di almeno l’ 0,7% del PIL alle relazioni con il sud del mondo e che segnino in modo inequivocabile la propria distinzione e alterità da qualunque commistione con le missioni di guerra.
 
Concordemente con quanto emerso dall’assemblea di Firenze, chiamiamo tutte/i ad intensificare la mobilitazione per la drastica riduzione delle spese militari e in difesa delle politiche sociali, per impedire nuove infrastrutture militari come a Vicenza e diamo a tutte/i appuntamento ad una grande assemblea per il ritiro dei soldati dall’Afghanistan, da tenersi il prossimo 16 dicembre a Roma.
 
Primi firmatari:
Maria Giulia Agnoletto, Vittorio Agnoletto, Mario Agostinelli, Mario Alcaro, Bruno Amoroso, Pietro Barcellona, Marco Bersani, Norma Bertullacelli, Piero Bevilacqua, Antonio Bruno, Franco Castoldi, Bruno Ciccaglione, Francesco Cioffi, Alberto Clarizia, Donatella Della Porta, Tommaso Fattori, Graziano Fortunato, Don Andrea Gallo, Ernesto Ligutti, Nino Lisi, Piero Maestri, Gigi Malabarba, Roberto Mapelli, Fabio Marcelli, Alessandra Mecozzi, Emilio Molinari, Andrea Montagni, Andrea Morniroli, Luciano Muhlbauer, Luigia Pasi, Tonino Perna, Riccardo Petrella, Padre Giuseppe Pirola, Giorgio Riolo, Domenico Rizzuti, Raffaele K. Salinari, Walter Saresini, Sofia Sarlo, Enzo Scandurra, Nando Simeone, Alberto Stefanelli, Salvatore Tassinari, Massimo Torelli, Riccardo Torregiani, Pino Vanacore, Luigi Vinci, Padre Alberto Vitali, Padre Alex Zanotelli, Antonello Zecca.


Galateo - Privacy - Cookie