Info Visita RCM Registrati Aiuto Eventi@MI Cerca Novità Home Page di RCM Logo di RCM Logo associazioni.millano.it
Up One Level  Up One Level
New Message  New Message
Reply  Reply
Forward  Forward
Previous in Thread  Previous in Thread
Previous Unread  Previous Unread
Next in Thread  Next in Thread
Next Unread  Next Unread
History  History
Help  Help
FAQ  FAQ
  Message  

Message 

Postmark
   
Home Page  •  rcmweb  •  VerdiMilano  •  Verdi Milano  •  Indice forum  •  VERDI  •  club dell'ulivo  •  Message
 
  Saturday 31 March 2007 15:55:12  
From:
Alessandro Rizzo   Alessandro Rizzo
 
Subject:

resoconto assemblea apd

 
To:
Partito Democratico   Partito Democratico
 
Si trasmette il resoconto dell'assemblea tenutasi a Milano il 27 marzo 2007
Segreteria APD
ASSOCIAZIONE PER IL PARTITO DEMOCRATICO
RESOCONTO DELL’ASSEMBLEA DEL 27 MARZO 2007
1) L’assemblea dell’Associazione per il partito democratico (di seguito, “APD”) – riunita al Teatro San Carlo di Milano in data 27 marzo 2007 – ha approvato all’unanimità (40 voti) la mozione presentata ed illustrata dal socio fondatore Pippo Ranci Ortigosa, anche a nome di Michele Salvati. Il documento così recita:
“Risultato positivo notevole dell’APD fondata l’11 febbraio 2006 è la nascita di molti gruppi locali e regionali in tutta Italia, orientati ad un medesimo fine.
Il fine è quello di formare un Partito Democratico attraverso un processo partecipato attivamente sia da persone interne ai partiti che da persone esterne ad essi, con l’intento di costituire una casa comune dei riformisti e di porre l’attività politica su basi il più possibile trasparenti e partecipate in modo da riconquistare la fiducia dei cittadini. Un processo molto più ampio e profondo che un negoziato tra partiti esistenti. Un processo costituente al quale possano contribuire tutti i cittadini interessati, secondo procedure trasparenti e condivise.
Le molte associazioni locali sorte nel primo anno di vita dell’APD si sono aggregate non in un raggruppamento nazionale ma in due: l’Associazione nazionale per il partito democratico e la Federazione delle associazioni per il partito democratico. Dato che l’obiettivo è comune è auspicabile che i due raggruppamenti si uniscano. È comunque essenziale che vi sia piena collaborazione tra di essi nell’ambito di un auspicato Coordinamento, che possa ricomprendere una molteplicità di associazioni orientate alla costituzione del Partito Democratico quali Cittadinanza Attiva, Libertà e Giustizia, Cittadini per l’Ulivo e altre.
La funzione della APD “madre” può essere quella di costituire un laboratorio di idee e proposte (think tank, come immaginato nella mozione del comitato direttivo del 9 gennaio). Ciò può essere utile solo se concordemente richiesto dalla Associazione nazionale e dalla Federazione d elle associazioni, nel quadro di un programma comune sottoscritto e reso noto. Certamente un laboratorio comune può, meglio che ciascuna associazione in isolamento, attivare le energie intellettuali e le competenze settoriali che si richiedono per dare sostanza programmatica all’idea del Partito Democratico; ed anche per contribuire al grande dibattito europeo sul riformismo e sulle idee comuni per il futuro che dovrebbero fondare le convergenze e superare le divergenze originate nelle eredità del passato. Un lavoro essenziale che non si può intraprendere se non sulla base di una concordia sicura tra i promotori”.
2) L’assemblea di conseguenza ha deciso, su proposta di Michele Salvati, di nominare un “Comitato tecnico di garanzia”, la cui funzione sarà quella di dare attuazione alla su estesa mozione. Sentite le proposte dell’assemblea il presidente Gitti ha proposto ci sostituire il comitato con i soci: Livio Frigoli, Gustavo Ghidini, Michele Salvati, Laura Novati, Fabrizio Onida e Pippo Ranci Ortigosa. La proposta è stata approvata dall’assemblea all’unanimità.
3) L’assemblea ha altresì deciso, su proposta del Vicepresidente Livio Frigoli che prendeva atto della esigua presenza di iscritti , di rinviare la nomina del Direttivo ad una nuova assemblea che il Presidente dovrà convocare in una giornata di fine settimana (sabato) entro il mese di maggio 2007. All’assemblea parteciperanno con diritto di voto i fondatori dell’associazione e coloro che avranno regolarizzato il pagamento della quota associativa per l’anno 2007. La proposta è stata approvata con il voto favorevole di 32 soci presenti, e con l’astensione di 3 soci.
4) L’assemblea infine ha approvato lo schema di bilancio presentato e distribuito dal Vicepresidente Livio Frigoli, in qualità di responsabile operativo dell’APD, all’esito della certificazione del tesoriere e socio fondatore Salvatore Bragantini. La delibera è stata assunta a maggioranza, con 29 voti a favore ed il voto contrario di 2 soci.


Galateo - Privacy - Cookie