Info Visita RCM Registrati Aiuto Eventi@MI Cerca Novità Home Page di RCM Logo di RCM Logo associazioni.millano.it
Up One Level  Up One Level
New Message  New Message
Reply  Reply
Forward  Forward
Previous in Thread  Previous in Thread
Previous Unread  Previous Unread
Next in Thread  Next in Thread
Next Unread  Next Unread
Help  Help
FAQ  FAQ
  Message  

Message 

Postmark
   
Home Page  •  rcmweb  •  cdsweb  •  informascuola  •  codinf  •  TuttoScuolaNews  •  Message
 
  Monday 13 November 2006 01:01:03  
From:
Tuttoscuola <mailing.lista2@tuttoscuola.com>   Tuttoscuola <mailing.lista2@tuttoscuola.com>
 
Subject:

TuttoscuolaNEWS n. 267

 
To:
CODINF   CODINF
 
Notizie, commenti e indiscrezioni sul mondo della scuola.
La newsletter settimanale di Tuttoscuola, la rivista per
insegnanti, genitori e studenti.

http://www.tuttoscuola.com 

************************************************************

N. 267, 13 novembre 2006


SOMMARIO

1. La lezione del prof. Draghi
2. Trepidano  i  precari:  tra  tre  anni  sara'  tutto  finito  o  si
ricomincera' da capo?
3. Spagna: meno religione, piu' matematica

__________________________________________________

le altre notizie di TuttoscuolaFOCUS n. 169/267:

- Tutti i numeri del Governatore
- Le tesi di Draghi aprono il dibattito
- Il numero di pensionamenti  decisivo  per  le  assunzioni  in  ruolo
previste
- Solo il 54% degli insegnanti italiani e' laureato
- Titolo V: le regioni “muovono” i primi passi concreti
- Formazione tecnica superiore: dopo gli IFTS
- Sivadis: non decolla la valutazione dei dirigenti scolastici

Per consultare TuttoscuolaFOCUS clicca qui:
http://www.tuttoscuola.com/focus

Notizie on line su tuttoscuola.com:
- A Napoli le scuole aprono anche nel pomeriggio
- Atenei sull'orlo del collasso
Clicca su http://www.tuttoscuola.com

____________________________________________________________


RENDI SICURE LE AULE

Il software NetSupport Protect, permette agli insegnanti di
creare facilmente un ambiente desktop sicuro, dove gli
studenti possono seguire le lezioni senza compromettere i pc.
Usa Protect con Netsupport School per la soluzione completa

http://www.bludis.it

____________________________________________________________


1. La lezione del prof. Draghi

La “Lectio magistralis” tenuta dal governatore  della  Banca  d'Italia
Mario  Draghi  in  occasione  dell'inaugurazione  del  centesimo  anno
accademico della facolta' di  economia  dell'universita'  di  Roma  La
Sapienza e' degna di nota.
In primo luogo per il crudo realismo delle sue considerazioni,  e  poi
per il fatto che non era mai successo (con la  parziale  eccezione  di
Luigi Einaudi)  che  un  governatore  dedicasse  tanta  attenzione  al
carattere di investimento strategico  della  spesa  per  l'istruzione.
Attenzione, pero':  non  di  una  spesa  considerata  nel  suo  volume
(quantita'  di  risorse  finanziarie)  ma  nella  sua  composizione  e
destinazione (qualita', efficacia).
Il governatore nelle Considerazioni finali  del  maggio  scorso  aveva
gia' sottolineato il ritardo del nostro sistema educativo  rispetto  a
quello degli altri paesi, richiamando tra  l'altro  la  necessita'  di
introdurre pratiche valutative del lavoro scolastico,  di  valorizzare
il merito e la professionalita'.
Mario Draghi non ha sollecitato,  in  effetti,  maggiori  risorse  per
l'istruzione considerata nel suo  complesso,  ma  una  redistribuzione
della spesa, partendo dalla considerazione che in Italia “la spesa per
studente nella scuola dell'obbligo e  in  quella  secondaria  e'  piu'
elevata rispetto alla media dei paesi dell'OCSE”, mentre il  contrario
avviene per l'istruzione universitaria, settore nel  quale,  peraltro,
vanno incentivati l'innalzamento  degli  standard  di  qualita'  nella
ricerca e nella didattica, e la concorrenza tra le diverse sedi. E  va
altresi' ridotto l'attuale enorme  e  abnorme  tasso  di  dispersione,
quasi doppio rispetto a quello medio dell'area OCSE (cio' che  farebbe
automaticamente salire l'indice della spesa per studente).
L'analisi svolta dal governatore della Banca  d'Italia  non  e'  certo
destinata a raccogliere  consensi  in  ambito  sindacale,  perche'  se
coerentemente sviluppata  condurrebbe  ad  un  sensibile  contenimento
delle assunzioni nella scuola nei prossimi anni, alla riduzione  della
frammentazione  degli  insegnamenti,  in  particolare  negli  istituti
tecnici e professionali, “che non si traduce in una migliore  qualita'
dei risultati scolastici” (cio' comporterebbe riduzioni di orario e di
cattedre), e all'aumento della concorrenza tra gli istituti, legata  a
parametri di qualita' e a “modalita' di finanziamento che da  un  lato
premino    le  scuole  migliori  e  dall'altro  trasferiscano  risorse
direttamente alle famiglie per ampliarne la possibilita'  di  scelta”.
Una “lectio” davvero severa (e autorevole), quella del prof. Draghi…

____________________________________________________________


TURISMO SCOLASTICO IN PROVINCIA DI VARESE
Uno scatto tra laghi, giardini e cultura nella provincia di Varese,
uno degli angoli piu' belli di Lombardia, alla riscoperta di ambiente,
tradizioni e cultura, lungo suggestivi itinerari didattico turistici.

http://www.vareselandoftourism.it

____________________________________________________________


2. Trepidano  i  precari:  tra  tre  anni  sara'  tutto  finito  o  si
ricomincera' da capo?

Il precariato e' tornato prepotentemente di attualita' proprio  mentre
in Parlamento si decide sul suo futuro, prevedendo una cospicua  quota
di immissioni in ruolo (posti vacanti  permettendo)  e  disponendo  la
fine delle graduatorie permanenti in cui si trovano i precari.
Gli emendamenti di diversi parlamentari chiedono, innanzitutto, di non
tagliare   organici  nella  scuola  in  modo  da  consentire  maggiori
disponibilita' per le immissioni in ruolo, sperando  nel  contempo  in
massicce quote di pensionamenti che libererebbero  altre  migliaia  di
posti.
Se   il  Governo  non  inserira'  tra  i  propri  emendamenti  qualche
sostanziale modifica al testo varato  in  Consiglio  dei  Ministri  e,
soprattutto, confermera'  la  clausola  di  salvaguardia  per  evitare
applicazioni “flessibili” da  parte  dell'Amministrazione  scolastica,
potrebbe essere difficile assicurare quelle  150  mila  immissioni  in
ruolo previste dalla stessa legge finanziaria.
Su questa prospettiva si annuncia nelle prossime  ore  un  braccio  di
ferro tra Parlamento e Governo.
Ma se dovesse finire  non  troppo  bene  per  la  stabilizzazione  dei
precari, c'e' forte la richiesta di non ammainare  la  bandiera  delle
graduatorie permanenti, perche' al termine del triennio  previsto  per
le immissioni in ruolo i  molti  iscritti  nelle  graduatorie  possano
sperare nelle immissioni in ruolo anche dopo il 2010.
Da    qui  la  richiesta  di  ribaltare  la  riforma  contenuta  nella
finanziaria  che  vorrebbe  mandare  definitivamente  in  archivio  le
storiche graduatorie permanenti.
Il Governo vorrebbe voltare pagina  in  materia  di  reclutamento  dei
docenti, ma precari, sindacati e molti  esponenti  politici  non  sono
d'accordo. Tra pochi giorni si conoscera' il verdetto.

____________________________________________________________


CARO LETTORE, NON FERMARTI ALL'ANTIPASTO…

Se l'informazione di “TuttoscuolaNEWS” ti piace, perche' privarti
di un servizio molto piu' completo a meno di 50 centesimi a numero?

“TuttoscuolaFOCUS”, la newsletter settimanale di approfondimento,
contiene 8-9 notizie in piu', oltre alla rubrica TuttoscuolaMEMORANDUM
con tutte le scadenze della scuola.

Non solo, l'abbonamento on line ti da' diritto anche all'accesso
all'archivio di Tuttoscuola.com, con oltre 3.000 notizie suddivise
in 20 piste di ricerca, per trovare dati, tabelle, analisi,
curiosita'.

Tutto questo a… 50 centesimi a settimana (pari a 2 euro al mese,
25 euro per un anno).
Perche' no?

Se poi ti interessa anche il mensile “Tuttoscuola”, la storica rivista
cartacea di approfondimento, e' sufficiente aggiungere 23 euro
e riceverai anche le Guide allegate alla Rivista durante l'anno.

Non accontentarti di una piccola parte di quanto offre Tuttoscuola.
Oggi essere informati a scuola e' tutto…

Per saperne di piu' (anche sui regali da scegliere per l'abbonamento):
http://www.tuttoscuola.com/offerta

NB i prezzi sopra indicati sono riservati alle persone fisiche.

____________________________________________________________


3. Spagna: meno religione, piu' matematica

Gli alunni della scuola media spagnola (dai 12 ai 16  anni)  dall'anno
prossimo studieranno meno religione (140 ore nei  4  anni,  contro  le
attuali 210) e piu' matematica (da 335 a 385).  Anche  arte  e  musica
avranno ore in  piu'  (210  anziche'  140),  a  scapito  della  lingua
straniera (-30), della tecnologia (-55) e  dello  spazio  riservato  a
scienze sociali, geografia e storia (-20).
E'    quanto  prevede  un  decreto  che  stabilisce  il  quadro  degli
insegnamenti minimi obbligatori in tutte  le  16  comunita'  (regioni)
spagnole. 2420 ore in tutto, 65 meno delle attuali  2485,  alle  quali
pero' si aggiungono le ore  di  competenza  delle  singole  comunita',
corrispondenti al 35% del totale (fino al 45% nelle regioni che  hanno
una lingua propria diversa dal castigliano, come la Catalogna).
Da notare che il monte ore complessivo diminuisce,  come  indicato  in
una legge di riforma (Ley Organica  de  Educacio'n),  approvata  nello
scorso mese di aprile, che prevede l'alleggerimento del  carico  delle
ore    settimanali  (1  o  2  in  meno),  soprattutto  all'inizio  del
quadriennio,  allo  scopo  di  agevolare  il  passaggio  dalla  scuola
primaria a quella secondaria.
La  Conferenza  episcopale  spagnola  ha  cercato  di  contrastare  la
decisione del governo, ma alla  fine  si  e'  dovuta  rassegnare  alla
riduzione dell'orario di religione, e  alla  esclusione  del  relativo
voto dal calcolo della media.


--------------------------------------

Ed ecco le altre notizie di TuttoscuolaFOCUS n.169/267:

- Tutti i numeri del Governatore
- Le tesi di Draghi aprono il dibattito
- Il numero di pensionamenti  decisivo  per  le  assunzioni  in  ruolo
previste
- Solo il 54% degli insegnanti italiani e' laureato
- Titolo V: le regioni “muovono” i primi passi concreti
- Formazione tecnica superiore: dopo gli IFTS
- Sivadis: non decolla la valutazione dei dirigenti scolastici


Per consultare TuttoscuolaFOCUS clicca qui:
http://www.tuttoscuola.com/focus


E poi tutte le scadenze del prossimo mese, commentate e spiegate. Ecco
gli argomenti di TuttoscuolaMEMORANDUM di questa settimana:

- elezioni Consigli di circolo/istituto
- scadenze amministrative
- permessi retribuiti per studio
- stages strutturali
- sciopero personale della scuola
- Giornata internazionale dell'infanzia e dell'adolescenza
- affissione liste per elezioni RSU
- presentazione domande esami di Stato

TuttoscuolaFOCUS e' riservato agli abbonati on line.
Per i non abbonati e' possibile acquistare il numero 169/267 di
TuttoscuolaFOCUS al costo di 1 euro+iva. Per informazioni cliccare
qui: http://www.tuttoscuola.com/focus
(e' necessario essere collegati a internet per richiedere e scaricare
la newsletter.
NB cliccare li' NON COMPORTA ALCUN IMPEGNO, consente solo di visionare
le condizioni per accedere al servizio), oppure telefonare al n.
06/6830.7851)
Per abbonarsi: http://www.tuttoscuola.com/offerta/

RIPRODUZIONE RISERVATA

Direttore responsabile: Giovanni Vinciguerra

Per  iscrivere  un'altra  persona o per rimuoverti da questa
newsletter vai all'indirizzo:

                 http://www.tuttoscuola.com

Per commenti, informazioni o suggerimenti: redazione@tuttoscuola.com

Per consultare i numeri arretrati di "TuttoscuolaNEWS": http://www.tuttoscuola.com

Chi è interessato a ricevere anche la newsletter dell'ANP (Associazione nazionale dirigenti e alte professionalità della scuola) puo' iscriversi dal sito
www.anp.it 

************************************************************
Editoriale Tuttoscuola srl
Via della Scrofa, 39 - 00186 Roma, Italia
Tel. 06.6830.7851 - 06.6880.2163
Fax  06.6880.2728
Email: tuttoscuola@tuttoscuola.com



Galateo - Privacy - Cookie