Info Visita RCM Registrati Aiuto Eventi@MI Cerca Novità Home Page di RCM Logo di RCM Logo associazioni.millano.it
Up One Level  Up One Level
New Message  New Message
Reply  Reply
Forward  Forward
Previous in Thread  Previous in Thread
Previous Unread  Previous Unread
Next in Thread  Next in Thread
Next Unread  Next Unread
Help  Help
FAQ  FAQ
  Message  

Message 

Postmark
   
Home Page  •  rcmweb  •  fnm  •  Fiori non mine  •  Message
 
  Monday 31 March 2003 08:33:19  
From:
Anna Curti   Anna Curti
allistante@emergency.it   allistante@emergency.it
 
Subject:

Fwd: Giornale di Emergency n.7 - Anno 2003

 
To:
Il Mondo a Due Voci   Il Mondo a Due Voci
Fiori non mine   Fiori non mine
 

fonte: ketty agnesani - mailto:ketty@emergency.it  gruppo: Sede
 argomento: Iraq e Afganistan

Questa settimana vi inviamo due lettere che abbiamo ricevuto dai
nostri colleghi in missione e che vogliamo condividere con voi. La
prima è di Mario, l'infermiere che si trova in nord Iraq, e la seconda
è di Massimiliano, amministratore del nostro progetto in Afganistan.

Erbil, 27 marzo 2003
E alla fine i soldati americani sono arrivati... .ieri sera, appena calata la luce, abbiamo iniziato a sentire il rombo degli aereoplani pressocche’ ininterrotto. Abbiamo subito pensato che, come le altre sere, stessero andando a Mosul e dintorni per lasciare il loro carico di bombe. Di diverso c’era che il rombo era continuo, non a ondate, e non abbiamo sentito esplosioni, da qui la deduzione che forse non si trattava di semplici bombardieri. Il traffico sopra le nostre teste e’ continuato per tutta la notte, alle sette di stamattina era possibile vedere qualche jet militare andare avanti e indietro. Poi le news dalla BBC: 1000 americani in nord Irak prendono un arereoporto. E alle 11.00 vediamo dal cancello del nostro ospedale il primo camion pieno di militari americani armati. Uno solo per ora, ma "radio people" dice che intorno a Erbil sono stati paracadutati in parecchi e agiranno nei prossimi giorni insieme alle milizie curde. Staremo a vedere.

Sembra che la gente stia lentamente tornando in citta’, dopo la fuga precipitosa della settimana scorsa sulle montagne. Ma i negozi continuano a rimanere chiusi: chi e’ tornato lo ha fatto solo perche’ le condizioni climatiche di questi ultimi giorni (freddo e pioggia) rendono la vita, negli accampamenti di fortuna, molto difficile.
Ho avuto modo di vedere molti accampamenti durane il mio viaggio della settimana scorsa a Sulaimaniya : quello che colpisce e’ come la gente si sia organizzata immediatamente, tende, camion, plastiche, secchi, tavoli e perfino sedie. Sembrava un picnic che si estendeva per circa 150 km. Per forza, ho pensato: sono abituati. Sono abituati a scappare e poi a tornare e penso che ogni famiglia curda possieda tutto il necessario per mettersi, nel giro di poche ore, in viaggio verso il "picnic della guerra".

Sono stato a Kabat ieri, a controllare il nostro Posto di Primo Soccorso che si trova proprio a ridosso del confine irakeno. Il personale e’ spaventato....certo la posizione non e’ delle piu’ felici, e’ attaccato a un grosso serbatoio dell’acqua (good target) ed e’ la prima casa in cima alla salita proveniente dal ponte che divide i due territori.
Ieri si e’ aggiunto un altro problema.....alcuni militari avevano preso una casetta per la notte proprio vicina al Posto di primo soccorso e a un’altra casa, dove giornalisti della BBC e di altre reti sono pronti con i loro "cannoni" fotografici per immortalare l’eventuale inizio delle ostilita’. Dopo una notte passata a litigare con i giornalisti sembra che americani abbiano capito che non e’ un buon posto per fermarsi, evitando cosi’ di mettere ulteriormente a rischio altre persone..

Comunque il lavoro continua.....pochi pazienti, clima di attesa, e la paura dei gas che lentamente sta passando. Forse l’attesa sara’ breve, ora che sembra che gli americani si stiano attestando a 60 km a nord est di Erbil, nell’aereoporto di Harier. Qualcuno e’ contento, qualcuno ha paura, io penso solo ai feriti che arriveranno, alle loro storie, ai loro familiari e a mia figlia, orgogliosa del lavoro che fa il suo papa’ e che all’asilo continua, ostinata, a ripetere che ha capito solo che la guerra non serve a niente.
Mario

-----------------------------------------------------
Kabul, 20 Marzo 2003

Sono tornato ieri da un viaggio di due settimane che mi ha portato a visitare una buona parte di questo paese fino a sconfinare in Iran. Lo scopo del viaggio era quello di trovare materiali da costruzione per l’ospedale che Emergency sta costruendo a Laskargah, nella provincia dell’Helmand, a sud di Kandahar.
La prima impressione è stata che Kabul è Kabul, poi c’è l’Afghanistan.
Immense distese desertiche, villaggi di Cuci dediti alla pastorizia che girano coi dromedari. Città come Herat, con moschee antiche con minareti altissimi fatti solo di fango. Montagne bellissime. E’ un paese veramente segnato dalla guerra e da quello che questo comporta, le strade per esempio sono un ricordo e per percorrere i circa 480 Km che separano Kabul da Kandahar occorrono circa 15 ore con una jeep mentre i camion impiegano circa una settimana!
Ho visto però un paese vivo, gli afgani sono incredibili, sorridono e salutano, il loro motto sembra essere: Muskele nist (non c’è problema).
Se manca la strada, la inventano; non c’è da mangiare, digiunano; se si rompe la macchina, si fermano sul bordo della strada ed aspettano che qualcuno si fermi ad aiutarli e state certi che qualcuno si fermerà.
Sono persone curiose, nel senso positivo del termine, ed estremamente positive e generose.
Penso che loro non vogliano essere come noi, secondo me vogliono vivere nel loro paese, secondo le loro regole, come piace a loro e dopo troppi anni di spedizioni coloniali, più o meno dichiarate, mi sembra che ne abbiano anche il sacrosanto diritto.
Stamane è iniziata l’ennesima guerra, per ora qui non se ne risente.

A presto, ciao
Massimiliano


-----------------------------------------------------

fonte: giovanna valsecchi - mailto:giovanna@emergency.it  gruppo: Sede
 argomento: sport

11 aprile: partita Zelig - Smemoranda Comedians per Emergency

venerdì 11 aprile, alle ore 21, al velodromo Vigorelli di Milano i comici dello Zelig e Smemoranda Comedians si sfideranno in una partita di calcio a favore di Emergency.
E' possibile acquistare i biglietti tramite www.ticketone.it, la rete di vendita di ticketone e presso la sede di Emergency a Milano.
costo del biglietto 5 euro, il ricavato contribuirà a finanziare l'apertura di un centro protesi di emergency in Algeria.
per info: 02392261 - 02881881.

-----------------------------------------------------

fonte: alessandra margutti - mailto:alessandra@emergency.it  gruppo: Sede
 argomento: Lotteria

Quarta Lotteria Benefica a Favore di Emergency

Sono a disposizione i biglietti della Quarta Lotteria Benefica a Favore di Emergency. L’iniziativa riguarda la citta’ e la Provincia di Milano. I fondi raccolti saranno destinati alle due unita’ ustionati adulti a Erbil e Sulaimaniya nel Nord Iraq.
L’estrazione dei premi avverra’ giovedi 26 giugno 2003 alle ore 17 presso la Sede di Emergency di Via Orefici 2.
Dove acquistare i biglietti:
- Milano : sede di Emergency - via Orefici 2
- Monza: Farmacia Comunale - Via Boito
               panetteria Pizzagalli via mantegazza
- Milano: cuem Università Statale - via Festa del Perdono 3
- Lissone: Coop. Effetto Terra - via Mentana 13
- Pessano con bornago: Bottega del Mondo Tatavasco - via V.Piave 31
- San Vittore Olona: Edicola Marisa - C.so Sempione 118
                              Fotografia & Ottica - Via Matteotti 11
- Sesto San Giovanni: Farmacia Giannice - via G.Galilei 53
- Milano: Vismoto snc - via Spartaco 31

Vi terremo informati su eventuali nuovi punti vendita

-----------------------------------------------------

Lunedi 24 Marzo 2003 ore 12:31 AM
fonte: chiara iacomuzio - mailto:emergencynovara@yahoo.it  gruppo: Novara
 argomento: Iniziative Locali

Spettacolo a Galliate

Sabato 5 aprile, alle ore 21, preso la sala consiliare del castello di Galliate, si terra' lo spettacolo musicale "Diritti e rovesci" del gruppo Lamiere Contorte.

Emergency sara' presente un banchetto con libri e magliette e per la
raccolta firme contro la guerra e a fovore della legge di iniziativa popolare, gestito dai volontari del gruppo Emergency di Novara.


-----------------------------------------------------

fonte: SEBASTIANO SINIGAGLIA - mailto:geom.sinigaglia@libero.it  gruppo: GRUPPO ABANO TERME (PD)
 argomento: Iniziative Locali

FIACCOLATA PER LA PACE E INCONTRO CON FR. CLAUDIO PAROTTI

Lunedì 7 aprile alle ore 20.30 a Bastia di Rovolon (Pd) presso il centro parrocchiale "Don Bosco" - piazza Marconi ci sarà un incontro intitolato "Guerre dimenticate : La Colombia" con fr. Claudio Parotti missionario comboniano di ritorno dalla Colombia, nel corso della serata proiezione di una parte del video "Facciamo Pace".
Si parlerà della Legge di iniziativa popolare : Norme per l'attuazione del principio del ripudio della guerra sancito dall'art. 11 della Costituzione.
al termine della serata fiaccolata con lettura di brani dalla dichiarazione dei diritti umani
Per ulteriori informazioni : Sebastiano 328.4681126

-----------------------------------------------------

fonte: vittorio gigliotti - mailto:vitgil@libero.it  gruppo: Aosta
 argomento: Iniziative Locali

emergency a vivicittà  2003

nel ventennale dell'edizione vivicittà il gruppo locale di Aosta aderisce a Vivicitttà 2003 "noi corriamo per la pace".
il ricavato della manifestazione sarà devoluto ad emergency
La corsa si svolgerà domenica 6 aprile ad Aosta, con inizio alle ore 10,30
Si invita la popolazione ad aderire ed in particolare ad iscriversi alla "staffetta per la Pace"
per iscrizioni : uisp - via Tourneuve 16 Aosta
orario 9-12   14,30 - 17 oppure telefonare al 016531342
durante la manifestazione, dalle ore 10 alle 12, sarà possibile firmare la proposta di legge di inziativa popolare per le modifiche all'articolo 11.

nell'ambito della manifestazione verranno raccolte anche le firme  per la legge di iniziativa popolare promossa da emergency


-----------------------------------------------------

fonte: Daniela Merlo - mailto:danielamerlo@inwind.it  gruppo: Monza
 argomento: Iniziative Locali

Banchetto al teatro Manzoni di Monza  -  Presidio per la pace a Monza

Il giorno 3/4 alle ore 20,30 presso il teatro Manzoni di Monza (via Manzoni) il gruppo di Monza sara'presente con un banchetto, in occasione della XXVI Rassegna Nazionale "Teatro Proposta".  Titolo dello spettacolo: "La pazzia di re Giorgio"

Il giorno 6/4 sara' organizzato un presidio contro la guerra a Monza in p.za Roma. il gruppo di monza sara' presente con mostra fotografica di Emergency.   Verra' inoltre proiettata la cassetta "Soran" e saranno raccolte le firme contro la guerra


-----------------------------------------------------

fonte: pierpaolo straforini - mailto:strafo4@yahoo.it  gruppo: Belluno
 argomento: Iniziative Locali

Guerra, pace, diritti

Il giorno 04/04/03,alle ore 21, presso la sala Boranga del Palazzo Crepadona di Belluno, G.I.P. (gruppo iniziativa politica) di Lentiai (BL) e Coordinamento provinciale per la pace, hanno organizzato un incontro con Lidia Menapace.Emergency sarà presente con banchetto e raccolta firme art.11.


-----------------------------------------------------

Allistante 1.0 - Sistema di Informazione
http://www.allistante.it
-----------------------------------------------------

per cancellarsi da questa mailing list:
http://www.allistante.it/emergency/allistante/ml/canc.cfm

Numero Iscritti: 184956
Inzio invio 28/03/03 h 19.00



Galateo - Privacy - Cookie