Info Visita RCM Registrati Aiuto Eventi@MI Cerca Novità Home Page di RCM Logo di RCM Logo associazioni.millano.it
Up One Level  Up One Level
New Message  New Message
Reply  Reply
Forward  Forward
Previous in Thread  Previous in Thread
Previous Unread  Previous Unread
Next in Thread  Next in Thread
Next Unread  Next Unread
Help  Help
FAQ  FAQ
  Message  

Message 

Postmark
   
Home Page  •  rcmweb  •  iidp  •  Israele  •  Shoah  •  Antisemitismo  •  Message
 
  Tuesday 7 November 2006 10:59:12  
From:
Amoha Danani   Amoha Danani
 
Subject:

Venezuela: antisemitismo in netta avanzata

 
To:
Israele   Israele
 
La politica nel presidente Hugo Chavez ha incoraggiato in Venezuela forme evidenti di antisemitismo. È quanto denuncia un rapporto presentato dalla Anti-Defamation League.

La combinazione di sostegno all'islam radicale e al regime iraniano del presidente Ahmadinejad in funzione anti-americana sta causando serie preoccupazione alla comunità ebraica venezuelana, che conta 25'000 membri.

I media venezuelani filo-governativi veicolano virulenti messaggi e attitudini antisemiti e anti-israeliani. Il regime di Chavez rilascia frequenti dichiarazioni anti-israeliane, con un aperto appoggio ai gruppi terroristici di Hamas e Hezbollah.  In Venezuela sono ora prassi ricorrente le dimostrazioni anti-israeliane, con graffiti contro gli ebrei e altre manifestazioni antisemite.

L'odio di Chavez nei confronti di Israele, e il suo acceso antisemitismo, hanno recentemente portato il governo venezuelano a congelare i rapporti diplomatici con Israele, richiamando in patria il proprio ambasciatore.

La retorica antisemita di Chavez include le accuse agli ebrei di: dominare il mondo, di aver compiuto un genocidio ai danni degli arabi, di essere gli eredi di coloro che assassinarono Gesù. Chavez ha inoltre equiparato il sionismo ad un cancro che affetta l'umanità.

Il presunto genocidio da lui denunciato sarebbe identico a quello compiuto dai nazisti nei confronti degli ebrei e, naturalmente, sempre nella visione di Chavez, gli ebrei andranno incontro ad un altro genocidio perché hanno fatto sì che vi sia contro di loro un odio mondiale.

Chavez non ha mai nascosto i suoi ambiziosi piani per far diventare il Venezuela, ricco di risorse energetiche, un attore primordiale sulla scena internazionale. Notorie le sue relazioni privilegiate con Ahmadinejad, con Hassan Nasrallah (il leader di Hezbollah), con il presidente siriano Assad, con il terrorista Carlos lo Sciacallo e con il negazionista della Shoah Norberto Ceresole.

Gli ebrei del Venezuelana hanno cominciato le loro attività comunitarie negli anni '20 e '30 del Novecento, con persone provenienti dal Nord Africa e dall'Europa. A queste immigrazioni si sono aggiunte negli anni '40 quelle dei sopravvissuti alla Shoah e successivamente quelle degli ebrei sefarditi provenienti dai Paesi arabi (anni '50 e '60).  L'organizzazione-ombrello che riunisce tutte le attività comunitarie è la Confederacion de Asociaciones Israelitas de Venezuela (CAIV).

Gli ebrei del Venezuela sono sempre vissuti in tranquillità e non hanno mai incontrato particolari problemi fino al momento dell'elezione di Chavez alla presidenza. Da allora sono stati costretti a denunciare l'antisemitismo del governo, a riaffermare il loro sionismo e ad esprimere preoccupazione per i continui attacchi del governo contro Israele.

Per maggiori dettagli vedere:

http://www.adl.org/PresRele/ASInt_13/4925_13.htm



Galateo - Privacy - Cookie