Info Visita RCM Registrati Aiuto Eventi@MI Cerca Novità Home Page di RCM Logo di RCM Logo associazioni.millano.it
Up One Level  Up One Level
New Message  New Message
Reply  Reply
Forward  Forward
Previous in Thread  Previous in Thread
Previous Unread  Previous Unread
Next in Thread  Next in Thread
Next Unread  Next Unread
Help  Help
FAQ  FAQ
  Message  

Message 

Postmark
   
Home Page  •  rcmweb  •  stazionecentrale  •  SOS Stazione Centrale  •  BarBoonBand  •  Message
 
  Thursday 30 June 2005 13:23:17  
From:
Maurizio Rotaris   Maurizio Rotaris
 
Subject:

Canzoni di Nicola

 
To:
SOS Stazione Centrale   SOS Stazione Centrale
 
LA VESTAGLIA


La vestaglia tua è sul pavimento
Tu non mi rispondi ma ti sento
Parli sottovoce, con chi sei?
Sono ritornato e non lo sai
I discorsi miei, la tua tristezza
La vergogna poi la tua sicurezza
Incosciente cerco una risposta
Tu mi vieni accanto e non mi basta
La prima volta



LA CASA DI ROCCIA

La vecchia casa di roccia sul lago
Questo tuo sguardo non è più vago
Nella cascina non vedo più il cervo bianco
Adesso sei tu e mi aspetti
Da quanto mi aspetti?
Apri la porta quel che tu sai,
che sono un uomo ed ora puoi
addormentarti accanto a me
senza pudore senza un perché
e una goccia che trema sul ramo
la tua purezza respiro di un attimo
è una carezza che cerchi da me
io sono il primo ma non sarò l’ultimo
nel tuo silenzio l’amore cos’è
è una risposta che aspetti da me
i tuoi capelli diventano paglia
al primo vento oltre la soglia
all’orizzonte che cosa c’è
forse c’è un altro che aspetta con me
ma non parli perché tu non parli
quando tu vuoi sai che posso nasconderti
fra le mia braccia c’è un posto per te, donna
ma se volessi potresti anche andartene
nel mio silenzio l’amore cos’è
è una risposta che aspetto da te
La vecchia casa di roccia sul lago
Questo tuo sguardo non è più vago
Nella cascina non vedo più il cervo bianco
Adesso sei tu…ti cerco…ti cerco


PRECIPITANDO VERSO DIO

La luce del temporale dalla finestra il casale
La febbre alta sto male e non so accorgono che
I passi di una donna, era mia madre
Stringevo la sua gonna, era sua madre
Adesso dimmi se la differenza degli altri
I buoni son tutti morti
Perché i cattivi son forti
E non si accorgono che
Lo sguardo di un bambino
Nella tua pace, son io
Che mi cancello nella tua luce
Adesso dimmi se
Precipitando verso Dio ti vedo
Ti riconosco, adesso io ci credo
Precipitando verso Dio non parli
Perché ti volevi nascondere
Precipitando verso dio
Insieme a te quell’uomo sono io
Precipitando verso Diooooooooo


Galateo - Privacy - Cookie