Info Visita RCM Registrati Aiuto Eventi@MI Cerca Novità Home Page di RCM Logo di RCM Logo associazioni.millano.it
Up One Level  Up One Level
New Message  New Message
Reply  Reply
Forward  Forward
Previous in Thread  Previous in Thread
Previous Unread  Previous Unread
Next in Thread  Next in Thread
Next Unread  Next Unread
Help  Help
FAQ  FAQ
  Message  

Message 

Postmark
   
Home Page  •  rcmweb  •  stazionecentrale  •  SOS Stazione Centrale  •  BarBoonBand  •  Message
 
  Monday 11 February 2008 18:16:35  
From:
Maurizio Rotaris   Maurizio Rotaris
 
Subject:

I testi del terzo cd

 
To:
SOS Stazione Centrale   SOS Stazione Centrale
 
Storie di strada, canzoni d'amore
terzo cd della Bar Boon Band
Realizzato a Milano al Lorien Studio
fra il 2005 e il 2007

In questo cd abbiamo voluto raccontare storie d'amore e relazioni difficili

Baby mia dolce baby
Testo di Victor Terminè musica di Maurizio Rotaris2007
Recitazione Victor Terminè, chitarre e basso Maurizio Rotaris, armonica Diego Raiteri, electronics drums

Baby mia dolce baby.
Si è vero sono un poco di buono
Però almeno una volta nella vita ti devi fidare dime
La mia corazza è ormai arrugginita e fa ridere baby
Adesso entrerò nei tuoi sogni come l'onda del mare
Sarò come il vento nei tuoi capelli
Adesso ti prometto che questo treno lo prenderemo insieme
Mano nella mano
E arriveremo alla stazione del nostro destino
Ti porterò dove nasce l'arcobaleno
E nella fusione dei suoi colori saremo felici baby
Non superare la linea gialla

Ti ho cercato
Testo e musica di Maurizio Rotaris 2007
Canto Elisa Ceglia, chitarre e basso Maurizio Rotaris, electronics drums

Io ti ho cercato fra i sassi
Di un mondo che non c'era
Avevo il vuoto nel cuore
Scendendo il sentiero pioveva
Non ti trovavo da sempre
Poi non ti ho trovato più
C'era un bel fiore fra i sassi
Eri lì, eri tu
Avrei voluto strapparti
Portarti via con me
Farti sentire il calore
Di una donna per te
E se adesso tu mi vuoi trovare
Vieni a cercare
Fra i sassi là
E se anche tu mi vuoi amare
Prova a cercare
Fra i sassi là
Avrei voluto rapirti
Portarti via con me
Farti sentire il calore
Di una donna per te
Oggi c'è il sole
E risalgo il sentiero con te
Amore

La ragazza dei miei sogni
Testo e musica di Marco Rossi 2006
Canto Marco Rossi, chitarre, basso e sint Maurizio Rotaris, electronics drums

Sei la ragazza dei miei sogni
In questo mondo che non cambia mai
Un orologio senza le lancette
Dentro al petto che mi batte sai
Ti ho trovata dentro un sogno
In una favola di un film
Con la fine scritta sopra i tuoi blue jeans
Sembra quasi un'avventura
con un mucchio di perché
ho rubato un desiderio
per avere solo te
ma quel sogno è già svanito
e si è portato tutto via
come il vento
tutta la mia fantasia
Entro nel tuo mondo
Se attraverso gli occhi tuoi
L'eco di un silenzio
che non si disperde mai
Valli senza fondo
Vedon solo gli occhi miei
Luci di un tramonto sopra il mare
E spero sempre di vederti
Richiudendo gli occhi miei
Ma porco giuda
se poi li apro non ci sei
E meno male che di giorno
Tu sei solo fantasia
Sei il mio segreto la mia piccola bugia
Sei il mio segreto la mia piccola bugia
Sul mio viso un po' segnato
Leggi un po' di vita mia
Ma se guardi in fondo al cuore
Non c'è neanche una bugia
E se sogno ad occhi aperti
Forse non è colpa mia
Ma del tempo che pian piano vola via
Dio della mia vita
Della vita che verrà
Dio di questa strada
E della gente che non sa
Fermati in momento
Guarda in fondo agli occhi miei
Vedi un uomo stanco
Che ora brucia dentro lei
E spero sempre di vederti
Richiudendo gli occhi miei
Ma porco giuda
se poi li apro non ci sei
E meno male che di giorno
Tu sei solo fantasia
Sei il mio segreto la mia piccola bugia
Sei il mio segreto la mia piccola bugia

Dammi
Testo e musica di Maurizio Rotaris ed Elisa Ceglia 2007
Canto Elisa Ceglia e Maurizio Rotaris, chitarre, basso e sint Maurizio Rotaris, electronics drums

Apro gli occhi su un nuovo giorno
Ma li richiudo perché non ci sei
Vorrei tornare indietro nel sogno
Ma senza te il sonno non c'è
Senti il mio corpo nel vento
Dammi un eterno momento
Prendimi tutto quello che penso
Cercami ai confini di un sogno
Verrà un giorno e avrà i tuoi occhi
Poi sarà notte e scalderai il mio corpo
Verrà la vita senza bisogno di parole
Saremo insieme sdraiati a respirarci
Dammi un po' di sogni proibiti
Dedicami un po' di giorni sfigati
Lasciami un po' di tempo avanzato
Dammi un po' di pesi segreti
Nella mia vita l'inferno è stato sempre
La dominante eterna dei miei giorni
C'è un paradiso ora dentro i tuoi occhi
Che mi sorridono tranquilli e verdi
Dammi se puoi un gioco di senso
Dimmi che è un eterno tormento
Prendimi in un solo momento
Prendi tutto il mio tempo perso

Sono meglio di te
Testo di Pablo Coniglio, musica di Maurizio Rotaris 2005
Canto Maurizio Rotaris ed Elisa Ceglia, chitarre, basso esint Maurizio Rotaris, electronics drums

Sono peggio di te
Non ho niente da perdere
Ho soltanto me, solamente me
Sono niente per te
Tu hai molti soldi, ne senti il rumore
Tu non lo confondi quel suono rotondo
Ne annusi il fruscio come fosse il tuo amore
Non ce n'è di uguali nel resto del mondo
Sono meglio di te
Sono meglio perchè
Tu non dai più la mano
A chi è dietro di te
Io vedo la gente, ne sento la voce
Ne ascolto il respiro nel vento del mondo
Io non lo confondo, uno sguardo che ha luce
Ad occhi di soldi, dipinti per sfondo
Sono meglio di te
Sono meglio perchè
Tu non dai più la mano
A chi è dietro di te

Sola
Testo e musica di Elisa Ceglia 2007
Canto Elisa Ceglia, chitarre, basso, sint Maurizio Rotaris, electronics drums

Perché
non mi hai detto mai ti amo
Mentre io, proprio io lo gridavo al mondo
Sola sola, e rinchiusa nel mio mondo io con te
Non so perché mi hai detto tornerò
Poi mi abbandoni qui dentro me
Rinchiusa nel mio sogno io con te
Perché non mi hai detto mai ti amo
Mentre io lo gridavo al mondo
Perché questa vita senza te
Adesso non vuol dire niente
Sola sola
E tu non ci sei e tu non mi vuoi perché
E tu non ci sei e tu non mi vuoi perché


Il gesto di un mattino
(testo di Cesare Pedrotti) 2006
Canto Cesare Pedrotti, chitarre, basso, sint Maurizio Rotaris, electronics drums

Leggendo nel mio passato
Cercando ragioni diverse
Quanto mai ho incontrato te
Momenti di azzurro vissuti,
m’illudo forse anche graditi
cerco una risposta che non c’è
e di là dal venire
fra i ricordi della mente
amari profumi di te
di quel sale sulla tua pelle
che non era nè il tuo
né il mio e così
e così era già, il dolore
e quanto odio dentro me
Raschiando su vetri opachi.
Rischiando tra bianche distese
Cerco di dimenticare te
Tradito da un flutto umano
Ragiono fra gambe aperte
che non mi hanno dato amore mai.
E se poi ascolterai
La mia voce da lontano
Provati a chiedere se
Se ne vale davvero la pena
Anche per chi ti dorme accanto
È così, e così era già
Il dolore e quanto odio dentro me
Quello schiaffo è una follia,
ed è il gesto di un mattino che
che non scorderò mai.
Non l’ho detto forse sai,
ma nel pianto di una sera
è così e così era già
il dolore e quanto odio dentro me

Pietre dure
(testo di Massimo Fistetto) 2007
Canto, chitarre, basso, sint Maurizio Rotaris, electronics drums, armonica Diego Raiteri

Case popolari bulli di quartiere.
Stelle rubate all’universo.
Motorini ragazzi già grandi.
Grida ferite, grandi fiumi bianchi.
Pietre dure
Un brivido attraversa la mia pelle
Terza scala secondo piano
La vendita dei sogni
Joe fai presto
Il tempo è troppo lungo
Pietre dure
Luci blu luci bianche
E qualche lampeggiante
Quartieri popolari
Adrenalina, adrenalina
Il viaggio si avvicina
Il grande fiume bianco che ci porta via
E noi e noi ci lasciamo trasportare
Luci blu luci bianche
e qualche lampeggiante
silenzi lunghi assordanti
Joe smetti di sognare
Cartelli, sirene, passaggi a livelli
Il morso del serpente
Senti il trillo
Joe dobbiamo andare alle case popolari
Si siamo già là
Stelle rubate all’universo

Paola
(Testo di Gigi Geviti musica di Maurizio Rotaris) 2007
Canto Gigi Geviti, chitarre, basso, sint Maurizio Rotaris, electronics drums

Ora non parliamo più
Io che come un analfabeta
Non ho letto negli occhi tuoi
Tu che sei andata via
Adesso so chi è l’uomo dentro me
Manchi soltanto tu
Pensieri che non vanno via
Ferma nella mente mia
Cancellare io no non posso
Me li porto tutti addosso
Vorrei stringerti più forte
Tanto freddo amore mio
Batte nel mio vuoto immenso
Solo dentro al cuore mio
Vorrei parlare
Vorrei parlare al tuo
Molti anni ti ho cercata
Tu che dicevi
Io che non vivo senza te
Ora la mia voce parla
Sola nei silenzi tuoi
Vorrei dirti tutto quello che sei
E come mi fai sentire
Riprenderò la mano tua
Chiusa fra le dita mia
E se vorrai e tu lo vuoi
Corri vieni verso i sogni miei
Piangere no non serve sai
Per due come noi
Tanto freddo amore mio
Batte nel mio vuoto immenso
Solo dentro al cuore mio
Vorrei parlare
Vorrei parlare al tuo

Quante volte
(Testo e musica di Marco Rossi) 2007
Canto Marco Rossi, chitarre, basso, sint Maurizio Rotaris, electronics drums

Io ma quante volte mi son chiesto amore mio
Se riuscirei a stare solo senza te
Senza rincorrere un bel sogno che non c’è
Io coi miei difetti e con gli sbagli sono qui
E sono un uomo che ha già perso tutto ormai
Ma non ti chiedo di restare se non vuoi
Poi tu sai di quanto amore abbiamo amato noi
E quanti sogni chiusi in un cassetto che
Rimane vuoto se non torni più da me
Io, ma quante volte ho chiesto scusa amore mio
Per certi sbagli che non ho commesso mai,
per stare in pace con il mondo e con i guai.
Lunga è la strada che ti porterà
Verso un mondo che pace non ti da
Come la roccia più fredda sarai
Dimmi come fai, non so più chi sei.
Tu che mi hai rubato il cuore e sei scappata via
Tu che hai spezzato tutti quanti i sogni miei
Mi hai dato il mondo e poi me l’hai portato via
Io che nella vita ho già sofferto e tu lo sai
E proprio adesso che ho bisogno anche di te
Tu come un pacco mi abbandoni e te ne vai.
Come la polvere ti poserai sulle strade che
Tu percorrerai e scivolando sul ghiaccio che c’è
Dentro gli occhi tuoi forse capirai.
Dai adesso dimmi che la colpa è tutta mia
Buttami addosso questo torto che non ho
Poi sbatti forte quella porta e corri via
Da me.

Silenzio
Testo e musica di Maurizio Rotaris 2006
Canto Gigi Geviti, chitarre, basso, sint Maurizio Rotaris, electronics drums

Silenzio
Son cose brutte da dire
Son cose così brutte
Non te le posso dire
I fiori appassirebbero
Le lacrime scenderebbero sul tuo viso
Non voglio rovinare
La gioia dei tuoi occhi
Lo splendido sorriso
Ma quando sarai grande
E i fiori saran cresciuti con te
Ti accorgerai da sola
Del mondo com'è
E quando sarai grande
Mi farà tanto piacere
Se contro cose così brutte
Vorrai sempre lottare
Il mondo di noi grandi
A volte è molto strano
Dormi tranquilla amore
Ti abbraccio da lontano
Domani andremo al mare
Le ombre della sera
Son fatte dalle luci
E se tu guardi bene
Ci son le stelle in cielo
Guardando sulla terra
Se la vedrai stanca e sofferente
Ricordati che i fiori
Crescono anche fra i sassi
E quando sarai grande
Fammi tu questo santo piacere
Prendi in spalla i sassi grossi
E buttali nel mare
E quando sarai grande
Dimmi pure se ho sbagliato
Ci penso tutti i giorni
Lo penso lo penso lo penso

Homeless
Testo e musica di Maurizio Rotaris 2004
Canto Maurizio Rotaris, Elisa Ceglia, Asja Volpi, chitarre, basso, sint Maurizio Rotaris, percussioni Ivano Mongelli, electronics drums

No non voglio stare qui, no non voglio stare qui
Son passato un giorno
ma non c'era nessuno
nella nostra casa
Le finestre chiuse
sul davanzale
un vaso vuoto
Dentro quegli spazi
c'era la polvere
di tutta una vita
Sono sprofondato
in quella camera
deserta e buia
senza amore
E allora aria, aria, aria
e son scappato in strada
Di stare solo non ne ho voglia
in strada solo ma in mezzo a tanti
No non voglio stare qui, no non voglio stare qui
Son passati gli anni
mi han dato una casa
tutta nuova
Pago pochi soldi
e le pareti
son tutte vuote
Dovrebbe essere meglio
che stare in mezzo
ad una strada
Ma io sento un vuoto
peggiore di quello di prima
Quando stavo in strada
E allora aria, aria, aria
non è la casa che manca
Di stare solo non ne ho voglia
in questo posto senza amore
No non voglio stare qui, no non voglio stare qui

Ciao come stai
Testo e musica di Diego Raiteri 2005
Canto chitarre e basso Diego Raiteri, chitarra Maurizio Rotaris, electronic drums

Ciao come stai ? Come ti sei risvegliata ?
La testa pesante che hai è perché ieri seraabbiamo bevuto
E poi senza nessun pudore hai pianto sul nostro destino
Hai detto che son sempre un bambino
Che i tuoi occhi non hanno colore
E poi come allegri folletti senza freni e senza paure
Abbiamo giocato con gli occhi
Abbiamo stupito i signori.
E poi come due cani, senza pretese, le abbiamo…
Che ridere anche prese !
Ci hanno insegnato a mentire, ma noi facevamo l’amore
Ciao come stai ? io male come sempre lo sai…
Ho provato a darmi da fare per poi constatare stupito
D’aver nuovamente fallito.
Per poi non ritrovarmi, fra denti che succhian le carni.
Per poi guardarmi allo specchio e vedere un ragazzo già vecchio.
Ciao come stai ? anche tu non sei mai esistita
E ppure ti ho vista e sentita, non so più se qui oall’inferno.
Non importa, non lo confermo.
Il mondo che abbiamo creato, l’universo che poi è svanito

Ho bisogno di te
Testo e musica di Lorenzo Cuomo 1988
Canto Elisa Ceglia, chitarre, basso, sint Maurizio Rotaris, electronics drums

Io vivevo in una nuvola bianca, tutto quanto dipendeva dalei
Non provavo quasi più sensazioni e le cose succedevan da se
L'amicizia non sapevo cos'era e di amore non ne parlavo più
La città mi andava sempre più stretta mi sentivo soffocare da lei
Ma la voglia di provare è rimasta dentro me ho portato poche cose
Son partito insieme a te
Insieme agli altri posso fare progetti tutto quanto ora dipende da me
E se a volte mi succede qualcosa finalmente ora capisco perché
L'amicizia è un'esperienza reale già capisco che ho bisogno di te
Si allontana quella nuvola bianca il sereno sta tornando lo so
E la voglia di cantare è rinata dentro me, di comporre una canzone
E cantarla insieme a te

Quei sentimenti
Testo e musica di Maurizio Rotaris 2006
Canto, chitarre, basso, sint Maurizio Rotaris, electronics drums

Quei sentimenti un po' strani la pioggia con l'arcobaleno
Sembra vuoi dirmi qualcosa ma non lo ricordi più
Forse volevi soltanto sederti un po' più vicino
Forse volevi parlarmi di cosa chi lo sa
La nostalgia di quei giorni passati nel tempo
Cose cambiate senza un perché
Penso e sorrido guardando dalla mia finestra
Il mondo che ora gira senza te
E poi andremo via lontano
La sabbia scorre via piano piano
Tanti momenti che sembrano senza un perché
Il mondo ora gira senza di te
Quanti ricordi qui dentro me
Quei tuoi begli occhi così così lontani neltempo
Quel tuo pensiero ai confini del senso
Attimi che non svaniscono dentro la giostra dei giorni
Sogni momenti e ricordi belli e brutti chi lo sa
Penso e sorrido guardando dalla finestra
Il mondo che ora gira senza di te
Quanti ricordi qui dentro me

Quel che sarà
Testo di Gigi Geviti, musica di Maurizio Rotaris 2006
Canto Elisa Ceglia, chitarre, basso, sint Maurizio Rotaris

Felice attesa di te
Che verrai Quando nella tua anima
L'amore mio potrà fiorire
Col suo fuoco Che ora mi uccide
Quel bacio delicato sulle labbra
che mi hai dato Non l'ho più trovato
Tu verrai
Le fiamme ardenti
Diverranno fiori profumati
Sarà quel che sarà
Di sicuro stupendo
Tu verrai, tu verrai, tu verrai
Un cuore immortale Che non ho
Tu che credi Di essere il dubbio
Per tutte le stagioni Che non ho
Vissuto in attesa di te
Adesso che sei qui
Il cielo profuma di te
Se verrai
Le fiamme ardenti
Diverranno fiori profumati
Sarà quel che sarà
Di sicuro stupendo
Tu verrai, tu verrai, tu verrai

Forse non eri tu
(testo e musica di Maurizio Rotaris) 2005
Canto chitarre, basso, Maurizio Rotaris, electronics drums

Con gli occhi chiusi ti cerco nel mondo senza sapere
Se un giorno incontrerò il tuo volto
Io non so chi sei nemmeno se ci sei
Non so da dove vieni se vieni a piedi o prendi i treni
Non so da quanti anni sto camminando su questa strada
Non lo ricordo più ho passato il tempo a cercarti
Non ti ho trovata mai
Forse non eri tu
Non ti ho cercata bene forse io
Ma tu ma tu ma tu
Non ti sei mai fatta scoprire
Oh quanti giorni passati a cercare
Qualcosa che sembrava lontano
Io non so cos'era, nemmeno se c'era
Non c'eran le parole per dire chi era
Ma un giorno finalmente
Guardando al mio fianco ti ho vista lì
E tu e tu e tu
Eri lì ad aspettarmi
Non ti ho trovata mai
Forse non eri tu
Non ti ho cercata bene forse io
Ma tu ma tu ma tu
Eri lì ad aspettarmi

Vestita di rosso
(Testo di Maurizio Rotaris e Cesare Pedrotti) 2006
Canto Elisa Ceglia e Maurizio Rotaris chitarre, basso, sint Maurizio Rotaris, armonica Diego Raiteri

Vestita di rosso e di rose ballavi sull’orlo di un sogno
Cantavi e giravi sui piedi più forte nel tuo girotondo.
Neve che scende intorno a Milano
E nei miei pensieri ti vedo accanto a me
Non più bambini ne uomo ne donna
Due adolescenti si dice così
Ma quanto amore avevo da dare
E quanto amore avevi da dare tu
L’inverno era quasi finito e c’era un bel sole là in fondo
Correndo andavi più forte del mondo
Del mondo volevi la luce
E nella penombra di un corridoio
Occhi splendenti come raggi di sole
Ma quanto amore avevo da dare
E quanto amore avevi da dare tu
Vestita di rosso e di rose ballavi sull’orlo di un sogno
Cantavi e giravi sui piedi più forte, più forte del mondo


Dimmi che
Testo di Elisa Ceglia e Maurizio Rotaris 2007
Canto Elisa Ceglia e Maurizio Rotaris chitarre, basso, Maurizio Rotaris, electronics drums

Sono qui da una vita ormai
Che ti aspetto coi miei guai
Vengo lì in un attimo
Te ne porto un po' dei miei
Tu mi avvolgi
Io ti voglio
Io vivo dentro
Vieni dentro di me
Non lasciarmi
Non legarmi
Voglio essere vivo
Proprio dentro di me
Dimmi che non può esistere
Il tuo mondo senza me
Sento che non può esistere
Il mio mondo senza te
Tu sei in fondo
Io ti voglio
Sei nel profondo
Vieni dentro di te
Non lasciarmi
Non legarmi
Tienimi sempre
Sono già qui con te
Non legarmi
Non lasciarmi
Sono dentro di te




Galateo - Privacy - Cookie