Didacta-Il Suk delle Idee
Conoscere e colorare i Mandàla
Versione 08-2007
Guida didattica "ICT for You"
Progetti di formazione Enis-Learning
Alla Conquista del Web-Scopri il Tesoro della ComunicazioneRete SIT
Scopri il Tesoro della Comunicazione

ENIS Schools
Risorse didattiche, percorsi formativi e TIC
per una nuova Società della Comunicazione
Per informazioni: Scrivete!
spaceCREARE CON I MANDALA

» 
1. Introduzione

» 2. Forma e significato

» 3. Colorare i Mandàla

» 4. Modelli e decorazioni

» 5. Sitografia

Autori: Loredana Gatta,
Maria Vasile,
Vita Coppola e Francesco Ercole

Licenza Creative Commons
Questa opera è pubblicata
sotto una Licenza Creative Commons.

 

FORMA E SIGNIFICATO DEI MANDALA 2. FORMA E SIGNIFICATO SIMBOLICO
Mandala lillaUn pensiero orientale dice: "se guardi da dove nasce il tutto, ritorni nel centro e puoi trovare il centro di te stesso e l'armonia del mondo."

Il termine "MANDALA" deriva dalla parola sanscrita dkyl-khor, che esprime il concetto «centro e periferia»: nella traduzione tibetana MANDA significa essenza e LA significa cogliere, quindi "cogliere l'Essenza".
Il mandala è perciò considerato la sintesi dei diversi elementi dell'universo, racchiusi in un'unità che diventa visibile solo grazie ad una particolare esperienza chiamata 'meditazione', una specie di 'viaggio' iniziatico che permette la crescita interiore. Considerati una delle maggiori forme di espressione dell’arte sacra buddista, sono disegni simbolici in grado di raggiungere tutti, grazie al linguaggio universale dei segni.
Secondo alcune tradizioni la forma del mandala parte dalla base di un palazzo quadrato, con un centro e quattro porte in direzione dei punti cardinali. Comunemente i mandala sono costituiti da colori e forme racchiusi in un cerchio (iscritto in un quadrato non visibile), rispettando una rigorosa simmetria armonica che simboleggia le forze cosmiche, una sorta di 'contenitore' sul quale posare oggetti rituali (i Dorje = le offerte) che rappresentano i diversi aspetti della divinità.
Possono essere rappresentati con varie tecniche: con un'immagine dipinta su carta o su stoffa (thanka), con mucchietti di riso, con una forma tridimensionale (in genere di metallo fuso) o più comunemente con della sabbia colorata, come quelli costruiti dai monaci per favorire la guarigione delle persone e dell’ambiente. Al termine del rituale, dopo un cserto periodo di tempo, il mandala viene in genere cancellato spazzando la sabbia di cui è composto, gesto che richiama la temporaneità delle cose ma anche la rinascita, poichè la forza che distrugge è anche quella che genera nuova vita.

Mandala rosa-azzurroOsservando un mandala si possono realizzare pratiche di rilassamento e di meditazione: a prima vista è possibile cogliere soltanto un insieme di forme e colori, ma provate ad immaginare di trovarvi di fronte alle onde del mare o alle nuvole che si muovono nel cielo. Lasciate scorrere liberamente i vostri pensieri, procedendo per associazioni mentali: gradualmente potrete lasciarvi attirare dal centro dell'immagine per coglierne l'armonia e poi spingere lo sguardo fino ai bordi e ancora ritornare al centro, sino a perdersi come in un labirinto. Attraverso la pratica delle meditazione, secondo la tradizione tibetana, si può raggiungere la pace interiore, l'equilibrio della propria personalità e quindi nel rapporto con gli altri ed arrivare a cogliere "l'essenza della vita".